Quattrocento novanta sei nuove targhe, +19,5% rispetto a febbraio 2023. Questa la performance del mercato dell’autobus italiano sopra le 3,5 tonnellate (leggeri e pesanti, insomma) nel mese di febbraio 2024, secondo l’elaborazione Anfia sui dati del ministero dei Trasporti.

Nel secondo mese dell’anno, si mantengono positivi tre comparti su quattro: crescono a tripla cifra gli autobus e midibus turistici (+154,8%) e i minibus (+140,7%), mentre gli scuolabus si fermano a +4,3%. Calano, invece, gli autobus adibiti al trasporto pubblico (-2,3%)

Mercato bus Italia: il dato accorpato di gennaio e febbraio ’24

Nei primi due mesi del 2024 (qui i dati relativi al mercato sopra le 8 ton; qui quelli relativi ai leggeri) i libretti di autobus rilasciati sono 1.060 (+29,4% rispetto a gennaio-febbraio 2023). Tre segmenti su quattro registrano una variazione positiva anche nel cumulato: +116,4% gli autobus e midibus turistici, +96,7% i minibus e +23,1% gli autobus adibiti al tpl, mentre gli scuolabus registrano una flessione del 26,1%. 

Secondo l’alimentazione, la quota di mercato degli autobus alimentati gas è del 16,8% a gennaio-febbraio 2024 (contro il 16,5% dei primi due mesi del 2023), mentre gli elettrici, ibridi gasolio/elettrico e ibridi metano/elettrico rappresentano il 20,9% (12% a gennaio-febbraio 2023). 

A livello territoriale, infine, nei primi due mesi del 2024 le immatricolazioni si mantengono in crescita nel Centro, a tripla cifra (+213,4%), e nel Sud e isole, a doppia cifra (+50,8%). Calano, invece, nel Nord-Ovest (-24,1%) e nel Nord-Est (-11,6)%. 

Il commento di Anfia

«L’incremento del 19,5% del mese di febbraio evidenzia una chiara tendenza positiva nel mercato, soprattutto nel segmento dei mezzi interurbani e turistici – afferma Andrea Rampini, Presidente della Sezione Autobus di Anfia. Al contempo riconosciamo le sfide che il settore industriale sta affrontando, come dimostra la significativa diminuzione del 22,2% degli autobus urbani. Una nota di preoccupazione deriva dalla lenta conversione imposta dalla transizione energetica: infatti solo il 5,1% dei mezzi immatricolati nei mesi di gennaio e febbraio 2024 è elettrica. Un dato su cui riflettere e che ci stimola a intensificare il nostro impegno nel collaborare attivamente con le autorità competenti e i partner per individuare soluzioni efficaci che favoriscano la crescita sostenibile del comparto». 

In primo piano

Sustainable Bus Awards 2025: ecco chi sono i (14) finalisti

Per sapere chi saranno i tre vincitori dei Sustainable Bus Awards 2025 bisognerà aspettare la premiazione durtante la giornata inaugurale del FIAA di Madrid, in programma nella capitale spagnola dal 22 al 25 ottobre. Nel mentre però sono stati comunicati i 14 finalisti che si contenderanno gli ambit...

Articoli correlati

Autobus di Autolinee Toscane distrutto dalla fiamme

Tanta paura, ma fortunatamente nessun ferito, anche grazie alla prontezza dell’autista. Nella giornata di ieri un autobus di Autolinee Toscane ha iniziato a fumare per poi prendere fuoco e andare completamente distrutto, carbonizzato dalle fiamme. L’incidente è avvenuto lungo la carta de...