Il convegno nazionale Asstra torna il 13 e 14 febbraio. R-Evolution. Trasporti pubblici: rotta per il futuro

Il quindicesimo convegno nazionale Asstra terrà banco a Roma (Eventi Fontana di Trevi, piazza della Pilotta 4) il 13 e 14 febbraio. Il titolo dell’edizione di quest’anno? È presto detto: “R-Evolution. Trasporti pubblici: rotta per il futuro“. La due giorni ospiterà, come da tradizione, un confronto aperto coi rappresentanti della politica, dell’industria e delle imprese sui temi più scottanti per un settore che fa muovere ogni giorno 15 milioni di persone. La rivista AUTOBUS figura tra i media partner.

Focus sugli investimenti e sulle performance del tpl

L’evento è l’appuntamento consolidato più importante per la mobilità collettiva in Italia. Le due giornate apriranno i lavori con la presentazione di due ricerche che introdurranno i temi portanti da dibattere. Il primo giorno verrà presentato il report “Gli investimenti nel trasporto pubblico”, realizzato dalla Cassa depositi e prestiti in collaborazione con Asstra. Il 14, invece, il focus sarà su “Le performance economico-finanziarie ed industriali delle aziende di tpl”, con in cabina di regia come curatori Asstra, Intesa Sanpaolo e la fondazione Ifel Anci.

Il battesimo pubblico per il nuovo presidente Asstra Gibelli

Il convegno di quest’anno vedrà il battesimo pubblico del nuovo presidente Asstra Andrea Gibelli, eletto il 18 dicembre scorso e successore di Massimo Roncucci. Il mandato del presidente esecutivo del gruppo Fnm (secondo operatore ferroviario italiano dopo Fs) durerà fino al 2022. “Un’Associazione moderna, autorevole, aperta al confronto interno e esterno con strumenti e contenuti innovativi” è l’impronta che Gibelli intende dare ad Asstra. Un obiettivo che, secondo i virgolettati riportati sul comunicato diramato da Asstra, perseguirà “col lavoro di squadra, puntando sulla valorizzazione del sapere diffuso di conoscenze che è in mano all’Associazione e alle imprese del settore. Un sapere che esige di essere conosciuto e valorizzato in una complessità economica e sociale che vede il tema del viaggio in una dimensione più ampia della sola componente trasporto. Le diverse componenti coinvolte nel più ampio tema della mobilità, ha concluso Gibelli, non possono più essere interpretate in termini strettamente economici, ma diventano volano di attrattività per i territori, di miglioramento della qualità della vita e di nuove opportunità del lavoro”

 

2019-02-11T16:20:39+00:005 Febbraio 2019|Categorie: EVENTI, IN VETRINA|Tag: , |