Sotto il cielo plumbeo di Hannover, si è aperta l’edizione 2022 di IAA Transportation. E lo ha fatto – e non potrebbe ormai essere altrimenti – nel nome dell’e-mobility. E dell’idrogeno. Tante le novità nel menù di una fiera che, pur strizzando maggiormente l’occhio al mondo dei truck e dei van, ha riservato uno spazio fisico (e non solo) al mondo dell’autobus.

E così, oltre alle “sgambate” nei viali del centro fieristico dei nuovi Setra Top Class e Comfort Class 500 (che però Daimler non ha portato “ufficialmente” a IAA), ecco l’idrogeno made in Bursa firmato Karsan, che aggiunge così alla sua flotta completamente elettrificata anche un modello ad H2; si tratta di un 12 metri con autonomia di 500 chilometri (grazie a un serbatoio da 1560 litri) e una capacità che sfiora i 100 passeggeri.

E anche l’idrogeno un po’ made in Italy e un po’ made in Corea del Sud, il Daily a idrogeno di Iveco (in collaborazione con Hyundai).

Dopo aver menzionato Karsan, un altro costruttore turco ha calamitato non poca attenzione: Temsa, infatti, ha svelato i dodici metri a zero emissioni dell’Lb Sb E.

Ha sorpreso anche Izuzu, lanciando il mignon Big-e (giocando sul nome e le dimensioni tutt’altro che big), un mezzo elettrico pensato per le consegne, o meglio, il micro delivery, ma soprattutto per la premiere mondiale del Citivolt elettrico.

Da sottolineare anche la nuova versione del BYD urbano elettrico.

A livello di componentistica, impossibile non citare il gigante ZF, che ha presentato la nuova trasmissione centrale elettrica CeTrax 2.

Interessante, infine, il debutto di Sono Motors, produttore di tecnologie solari per alimentare bus (e non solo): in primavera, a Monaco, Sono Motors ha testato un rimorchio per autobus a energia solare, che consentirà di risparmiare fino a 2.500 litri di gasolio all’anno e un potenziale annuale di oltre 6,5 tonnellate di C02.

Domani l’apertura ufficiale di IAA Transportation, in programma ad Hannover fino al 25 settembre: stay tuned!

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati