Gtt Torino rinnova la flotta con i Mercedes Conecto

Gtt Torino rinnova la flotta con i Mercedes Conecto. Questa mattina sono stati presentati i nuovi autobus della flotta Gtt Torino. Presenti la sindaca di Torino Chiara Appendino, l’assessora comunale ai trasporti Maria Lapietra, l’assessore ai trasporti della Regione Piemonte, Marco Gabusi, l’amministratore delegato di Gtt, Giovanni Foti e l’amministratore delegato di Evobus Italia, Heinz Friedrich.

Gtt Torino

Gtt Torino 74 Mercedes Conecto

I nuovi autobus di Gtt Torino sono certificati Euro VI e sono il frutto di una gara composta da due lotti aggiudicata nel dicembre scorso. Nello specifico Gtt Torino fa suoi 34 autobus da 18 metri e 40 autobus da 12 metri. Il contratto, si legge nel capitolato di gara, prevede la manutenzione in full service per 10 anni. L’investimento complessivo di Gtt Torino per la sola fornitura di questi nuovi autobus è stata di 21 milioni di euro, un importo finanziato per il 50 per cento dalla Regione Piemonte e per l’altro 50 dalla stessa Gtt Torino.

Gtt Torino

Ecco dove opereranno. Parola alla Sindaca

I Mercedes Conecto saranno impegnati nelle linee di forza e sostituiranno autobus Euro 2, nel particolare gli Iveco 491 e i Bredamenarini. Rispetto ai bus con classificazione “Euro 2”, permetteranno un risparmio di carburante pari al 21,6 %, la riduzione delle emissioni di ossidi di azoto (NOx) del 98%, del particolato dell’88% e del biossido di carbonio (CO2) del 22%. L’ingresso e l’uscita sui nuovi mezzi sarà regolata in questo modo: entrata dalla porta anteriore (sugli autosnodati anche sull’ultima in fondo), uscita dalle porte centrali. Questo consentirà di utilizzarli anche con i tornelli. GTT Torino infatti continuerà l’installazione dei tornelli sui bus: saranno completate le  linee gestite con mezzi elettrici, per proseguire poi sulla linea 30 (Torino-Chieri) e sulle linee dei nuovi autobus Mercedes. «Siamo impegnato nel rilancio di Gtt Torino», ha dichiarato la sindaca Appendino, «quando siamo arrivati al governo della città si parlava di liquidazione societaria mentre ora l’azienda sta investendo guardando al futuro».

Alla domanda: “Perché acquistare autobus Mercedes e non di un’azienda italiana come Iveco?”. La Sindaca ha risposto così: «Quando si parla di Istituzioni – in generale di soldi pubblici – gli acquisti si fanno sulla base di gare d’appalto. Viene indetta una gara e poi chi vince – ovvero l’offerta migliore – fornisce i prodotti o servizi. In questo caso Iveco non si è presentata e l’offerta migliore è stata, appunto, quella di EvoBus Italia, società del gruppo Daimler. Azienda peraltro che rifornisce il mercato italiano dal 1996 con 220 dipendenti in Italia».

Sindaca, per quale motivo avete acquistato autobus diesel? 

«L’impatto ambientale dei nuovi autobus andrà ad abbattere drasticamente le emissioni dell’attuale parco mezzi, fino a oltre il 90% di alcuni inquinanti. La mole di autobus da acquistare – a fronte del servizio GTT Torino – era tale che la spesa su mezzi esclusivamente elettrici era troppo alta, mentre, se fossero stati tutti a metano, non vi erano sufficienti punti di distribuzione carburante e di deposito. Si è optato dunque per degli Euro 6 di ultima generazione, che miglioreranno sensibilmente il servizio e ridurranno drasticamente l’impatto ambientale. Dopo questa prima fase i prossimi acquisti saranno di partite a metano ed elettriche».

Chiara Appendino guarda al futuro. «Entro febbraio 2020 un bus su 6 sarà nuovo, più 35 tram. L’obiettivo è arrivare entro un anno a 300-350 mezzi nuovi su 800«, spiega la sindaca Chiara Appendino. «Abbiamo iniziato questa amministrazione con l’azienda in ginocchio, si parlava di percorsi fallimentari, ma con lo sforzo di tutti si è riusciti ad avviare il risanamento. Questo è il primo passo visibile di un lavoro iniziato tre anni fa per rendere il trasporto pubblico alternativo al mezzo privato».

Gtt Torino, Giovanni Foti guarda la futuro

«Questi 74 autobus saranno disponibili già da fine mese e saranno pronti per la riapertura delle scuole dei luoghi di lavoro», ha detto l’amministratore delegato di Gtt Giovanni Foti. «Questa fornitura è solo la prima di un piano che vedrà già dai prossimi mesi l’entrata in servizio di 40 Mercedes Conecto a metano. Per noi la contrazione delle emissioni è di primaria importanza. Per questo abbiamo un piano per l’acquisto, in futuro, di 100 autobus elettrici».

Gtt Torino

Heinz Friedrich, il Conecto esprime qualità

«I Mercedes Conecto sono autobus di grande qualità capaci di assecondare le esigenze di molti esercenti», ha detto l’amministratore delegato di Evobus Italia Heinz Friedrich. «Gli alti standard di sicurezza e la qualità costruttiva sono i veri plus di questa gamma che si presenta al mercato con un prezzo davvero interessante». Sulla stessa linea Michele Maldini, Direttore Commerciale Buses Evobus Italia. «Il Conecto presenta la struttura del Citaro C1 e la meccanica del Citaro C2. Con questa serie offriamo qualità, tempi di consegna e un prezzo molto competitivi».

Gtt Torino, bus nuovi per il rilancio. Ecco il primo Mercedes Conecto

Interventi su 700 bus per aumentare la sicurezza

Gtt Torino ha avviato da Gennaio un programma complessivo di interventi specifici per aumentare la sicurezza contro il rischio incendi sugli autobus urbani, circa 700 mezzi. Gli interventi prevedono in particolare verifiche delle cosiddette “caverie”, che sono  parte dell’impianto elettrico. Dalle analisi effettuate anche con l’ausilio di esperti esterni, emerge infatti tra le cause anche un problema legato a un difetto di costruzione. Il programma di interventi sta  dando risultati positivi ed è in fase di avanzata realizzazione. Tra le numerose altre iniziative avviate da gennaio per far fronte  problema, va ricordata la formazione aggiuntiva sul tema del personale viaggiante,  al quale  va il ringraziamento dell’azienda per il comportamento professionale tenuto durante le situazioni che si sono venute a creare.

Gtt Torino, elettrico e metano per abbattere le emissioni

2019-08-03T12:52:12+00:002 Agosto 2019|Categorie: AUTOBUS NEWS|