Gara Consip, è avvenuta l’aggiudicazione in via definitiva del bando in nove lotti. La maxi gara è cofinanziata con contributi statali pari a 50 milioni annui per il triennio 2017, 2018 e 2019. Ora si apre la pagina della procedura d’acquisto.

Gara Consip

Le convenzioni della gara Consip entro fine mese

Sulle modalità d’acquisto degli autobus messi a gara dalla centrale d’acquisto unica circolavano diffuse perplessità. Ora, avvenuta a fine giugno l’aggiudicazione definitiva, la procedura dovrebbe partire. Si concretizzerà attraverso l’accesso alle specifiche convenzioni con i fornitori che verranno prossimamente rese accessibili sulla piattaforma di e-procurement “acquistinretepa” (https://www.acquistinretepa.it/opencms/opencms/). L’attivazione delle convenzioni è prevista entro la fine del mese. 

750 autobus per Industria Italiana Autobus

La gara, come anticipato da AUTOBUS a marzo, si è tradotta in una vittoria condivisa tra Iveco Bus e Industria Italiana Autobus. I tre lotti dei Classe II sono stati aggiudicati a Iveco Bus (unica offerente) che porta a casa anche il lotto degli ibridi da 12 metri e quello dei 18 a gasolio. Industria Italiana Autobus, invece, mette le mani sui lotti 2, 3 e 4 per un monte, teorico di 750 autobus. Nello specifico il lotto due della gara Consip prevede la fornitura di 200 autobus Classe I low floor da 10,5 metri a gasolio mentre i lotti 3 e 4 sommano in se un monte da 550 autobus da 12 metri: 350 a gasolio e 200 a metano. Tutte richieste che saranno coperte dalla gamma Menarinibus Citymood. Industria Italiana Autobus ha avuto la meglio su Iveco Bus grazie a un punteggio tecnico più alto che ha registrato un distacco medio attorno ai 14 punti. Punti che hanno assorbito un’offerta economica, quella di Industria Italiana Autobus, ben più alta rispetto a quella di Iveco Bus.

800 unità per Iveco Bus

Iveco Bus si  aggiudicata tutti i lotti dei Classe II per un totale di 600 autobus, un mix tra normal floor e low entry che saranno tutti evasi dalla fabbrica della repubblica Ceca dove, come è noto, è prodotta la gamma Crossway. Ma Iveco Bus ha portato a casa altri due lotti, questa volta di autobus urbani. Si parte dal lotto numero 5 per 100 unità da 18 metri ad alimentazione a gasolio e si chiude con il lotto 6 da 100 bus da 12 metri ibridi. In totale Iveco Bus mette la firma sotto un contratto da ben 800 unità. Ad andare deserta, invece, è stato il lotto dei corti elettrici. La gara Consip prevedeva, infatti, la fornitura di 50 unità elettriche da 7,7 metri con pianale interamente ribassato. L’offerta che in molti si aspettavano era quella di Rampini che invece ha bollato come «troppo bassa» la base d’asta del capitolato (17.742.565 di euro, cioè 354mila euro a modello). Voci insistenti, comunque, sembrano andare verso la direzione di riscrivere il capitolato tenendo conto degli attuali costi di mercato degli autobus elettrici.

Gara Consip, ecco i lotti

Lotto 1: 50 Autobus urbani corti elettrici: DESERTA

Lotto 2: 200 autobus urbani da 10,5 metri a gasolio a pianale: Industria Italiana Autobus

Lotto 3: 350 autobus urbani da 12 metri a gasolio: Industria Italiana Autobus

Lotto 4: 200 veicoli autobus urbani 12 metri a metano: Industria Italiana Autobus

Lotto 5: 100 autobus urbani 18 metri diesel: Iveco Bus

Lotto 6: 100 autobus urbani da 12 metri ibridi: Iveco Bus

Lotto 7: 100 autobus extra-urbani 12 metri a gasolio a pianale rialzato: Iveco Bus

Lotto 8: 300 autobus extra-urbani: Iveco Bus

Lotto 9: 200 veicoli autobus extra-urbani Low entry: Iveco Bus

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl