D’Auria Furore. Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via, con oltre un anno di ritardo imputabile alla pandemia, nella nuova sede pronta a febbraio 2020. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisione di compiti: lavorati su telaio Sprinter sotto i 23 posti, chassis Iveco Daily sopra i 23, furgonati affidati al partner lituano Altas (di cui D’Auria è dealer italiano, oltre a farsi carico di sedute ed eventuale pedana per carrozzine).

Allestito su telaio Ccs (telaio e muso), il D’Auria Furore ha passo di 4.350 millimetri, accorciato rispetto al più comune 4.750. Un accorgimento che consente una maggiore capacità della bagagliera e una maggiore agilità nelle svolte. Il mezzo si indirizza al mercato turistico e dei servizi shuttle intercity, grazie alla possibilità di omologazione in Classe II (previa installazione di corrimano in luogo delle cappelliere – fornite da Ofolux – e di altri accorgimenti, tra cui l’opzione della pedana per carrozzine, per la quale D’Auria si rivolge ad Autolift).

D’Auria Furore, la gamma completa

D’Auria Furore, nasce dall’esperienza del Grande Capri, oggi il modello più venduto dell’azienda campana. Su una media di 70 veicoli venduti annualmente (l’anno pandemico è un caso a parte…), i Grande Capri costituiscono la grande maggioranza. Largo 2,40 metri, il Furore rappresenta in un certo senso il successore delle gamme Turengo, su telaio 818, ed Elite, un 33 posti su telaio Eurocargo. Con una sostanziale differenza: mentre l’Elite richiede la ricostruzione del frontale, il telaio Ccs fornito da Iveco, già fornito di frontale, consente di ottimizzare il flusso di lavorazione concentrandosi sulla carrozza. La new entry costituisce inoltre il punto di partenza di una bipartizione delle gamme D’Auria a seconda della capacità: sotto i 23 posti su Sprinter, sopra quella soglia Iveco Daily. Una scelta ben precisa. Dei furgonati si fanno carico i lituani di Altas, i cui prodotti originali sono distribuiti sul territorio italiano proprio da D’Auria, che all’Ibe 2020 ha esposto il mini full electric da 7,7 metri Cityline Ev, frutto di una collaborazione del brand baltico con i finlandesi di Elinta Motors.

D’Auria Furore, la meccanica

Torniamo D’Auria Furore. Sotto il cofano lavora il 3 litri Fpt da 210 cavalli, abbinato a cambio Hi-matic. L’accesso ribassato a 300 millimetri da terra è uno dei plus di questo modello, forte di vano bagagli da 5 metri cubi.  I sedili, con tessuti cuciti internamente, sono in stoffa tecnica rasopelo con poggiatesta in pelle. Presenti tavolini, retine portaoggetti, bracciolo. Il top di gamma? Il modello ‘business’ con doppia testata e ‘fianchetto’ in pelle. I service set prevedono bocchettoni e luce di cortesia.  

D’Auria Furore, con Webasto

La climatizzazione dell’abitacolo è in capo a un’unità Webasto (che si aggiunge all’impianto originale Iveco dedicato all’area conducente). Gli sportelli, trattati con cataforesi, sono anche ‘made in Germany’.  A disposizione del driver c’è un frigorifero ad incasso firmato Tm da 45 litri, e l’offerta ‘leisure’ è completata da un infotainment composto da lettore cd, dvd (il monitor Lcd è a scomparsa, con apertura manuale) ed mp3 e dalle prese di ricarica usb disposte ad ogni fila di sedili. Tra gli optional figurano i fari led, la retrocamera e i sensori di parcheggio posteriori. 

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Setra S418 Le Business, 15 metri di comfort e sicurezza

Setra S418 Le Business. Chi vive alle nostre latitudini un tre assi di queste dimensioni (al servizio del trasporto pubblico) lo ha visto solo con il binocolo. E le poche occasioni di toccare con mano un ‘bestione’ di questo genere gli sono state offerte da mezzi immatricolati all’estero e poi arriv...

Solaris Urbino 9 Le elettrico, la famiglia è completa

Solaris Urbino 9 Le elettrico. La famiglia elettrica di Solaris Urbino si allarga, anzi si accorcia. L’ultima novità firmata dal produttore polacco è l’Urbino 9 Le elettrico, svelato in anteprima mondiale dalla casa madre il 30 settembre scorso. Insieme all’e-bus Urbino 15 Le (presentato a fine 2020...

MAN Lion’s Intercity LE, urbano e interurbano per passione

MAN Lion’s Intercity LE. Le versioni da 12 e 13 metri saranno disponibili nel 2022, nel 2023 arriverà sul mercato l’ibrido leggero, sulla base della consolidata tecnologia EfficientHybrid. Nel 2024 sarà il turno del tre assi. Costruita in Turchia, la nuova gamma MAN Lion’s Intercity LE s...

Mercedes Intouro, il Classe II che cambia la prospettiva

Mercedes Intouro. Si parte da 10,8 e si arriva a 14,9 metri, passando per 12 e 13. E i due estremi rappresentano degli inediti. Debutta l’Aba 5, in grado di individuare soggetti in movimento grazie alla tecnologia del machine learning ed effettuare un arresto completo del veicolo. Niente gas (non ch...