La data è fissata: entro il 2030 Daimler Buses si è impegnata a offrire veicoli a zero emissioni di CO2 in ogni segmento entro il 2030, puntando forte sull’elettrico e l’idrogeno. Ma oltre ad ampliare il proprio portafoglio di veicoli emission free, Daimler Buses sta anche ampliando l’offerta di servizi come general contractor per l’intera infrastruttura elettrica dei clienti.

Sulla strada verso l’elettrificazione mondiale del trasporto passeggeri, Daimler Buses prevede di lanciare il primo autobus interurbano completamente elettrico a partire dal 2025 e coach con trazione a celle a combustibile a idrogeno dalla fine di questo decennio. In linea con la strategia a doppio binario della casa madre Daimler Truck, Daimler Buses si sta concentrando sia sulle tecnologie basate sulle batterie elettriche che su quelle basate sull’H2, perché questo è l’unico modo per offrire soluzioni a zero emissioni su misura per le diverse esigenze dei suoi clienti.

Toyota Motor Europe fornirà a Daimler Buses le celle a combustibile per il Mercedes-Benz eCitaro Range Extender. Battezzato TFCM2-F-60 è un modulo di seconda generazione che produce 60kW di potenza e può essere facilmente integrato nel tetto dell’autobus. Uno dei principali vantaggi della tecnologia a celle a combustibile di Toyota è la possibilità di estendere l’autonomia dell’autobus elettrico a circa 400 km per l’autobus da 12 metri e fino a 350 km per la versione articolata. La combinazione della batteria e della cella a combustibile come range extender elimina la necessità di una ricarica intermedia in movimento.

Gli ingegneri di TME supporteranno la progettazione del sistema e l’integrazione del modulo nell’autobus per garantire l’efficienza, la potenza e durata ottimali. Con un convertitore di tensione integrato, il Toyota Fuel Cell Module opera in una gamma di tensione da 450 a 700 volt e con la massima efficienza a circa 30kW.

«Siamo lieti di lavorare con Daimler Buses e siamo lieti di vedere che le nostre attività di vendita di propulsori a idrogeno in Europa continuano ad espandersi. Toyota è impegnata a raggiungere la neutralità del carbonio e crediamo che l’idrogeno sia uno degli elementi chiave di una futura società decarbonizzata», ha dichiarato Matt Harrison, Presidente e CEO di Toyota Motor Europe.

«Siamo lieti di lavorare con Daimler Buses e siamo lieti di vedere che le nostre attività di vendita di propulsori a idrogeno in Europa continuano ad espandersi. Toyota è impegnata a raggiungere la neutralità del carbonio e crediamo che l’idrogeno sia uno degli elementi chiave di una futura società decarbonizzata», ha dichiarato Matt Harrison, Presidente e CEO di Toyota Motor Europe.

Daimler Buses, all-in per l’elettrificazione dei trasporti

Till Oberwörder, responsabile di Daimler Buses, ha dichiarato: «Come produttore di autobus leader a livello mondiale, la nostra ambizione è chiara: vogliamo dare un contributo alla lotta contro il cambiamento climatico ed essere il motore del cambiamento nei trasporti che è necessario per raggiungere questo obiettivo. A tal fine, stiamo perseguendo una chiara strategia di elettrificazione e stiamo mettendo su strada in serie autobus con tecnologie di propulsione alternative. Entro il 2030 vogliamo offrire localmente propulsori a zero emissioni di CO2 per ognuno dei nostri segmenti nei nostri mercati più importanti e quindi prendiamo un chiaro impegno: a partire dal 2030 al più tardi, offriremo solo veicoli nuovi a zero emissioni di CO2 nel segmento degli autobus urbani in Europa e non investiremo nella tecnologia Euro VII. Stiamo concentrando i nostri sforzi di sviluppo interamente sull’eCitaro a emissioni zero e completamente elettrico». Oberwörder, dunque, ha aggiunto: «Abbiamo una visione olistica dell’elettrificazione e andiamo ben oltre il veicolo stesso. Forniamo ai nostri clienti la mobilità elettrica su una base ‘chiavi in mano’, il che significa che ricevono da noi tutti i moduli necessari per un servizio di autobus elettrici funzionante: forniamo gli autobus, pianifichiamo l’infrastruttura necessaria e la gestione della ricarica, gestiamo la conversione del deposito e formiamo il personale. Il nostro obiettivo è che la mobilità elettrica diventi una realtà quotidiana nel settore degli autobus».

Novità per il Mercedes-Benz eCitaro

A partire dal 2023, Daimler Buses doterà anche il suo autobus urbano Mercedes-Benz eCitaro, precedentemente puramente elettrico a batteria, che è in produzione di serie dal 2018, di una cella a combustibile a idrogeno come estensione dell’autonomia. Daimler Buses aggiunge così un veicolo con un’autonomia fino a 400 chilometri al portafoglio di prodotti completamente elettrici nel segmento degli autobus urbani. Come variante range extender, l’autobus a pianale ribassato, potente e neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO2, copre anche i percorsi più impegnativi.

L’eCitaro Range Extender è ancora chiaramente progettato per l’uso come autobus urbano. Il sistema di propulsione continua ad essere basato sulla batteria molto potente, mentre la cella a combustibile serve per estendere l’autonomia e non come fonte di energia principale. Il veicolo è quindi un autobus ibrido completamente elettrico che combina entrambe le fonti di energia.

Inoltre, Daimler Buses offrirà l’eCitaro con una nuova generazione di batterie ad alte prestazioni dalla fine del 2022. Le batterie agli ioni di litio ad alta energia aumentano la capacità per cella di circa il 50 per cento a parità di peso e consentono un’autonomia affidabile di circa 280 chilometri.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Amtab sotto inchiesta: indagini su bilancio e assunzioni

L’indagine “Codice Interno” condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ha aperto il vaso di Pandora della città, scoprendo intrecci su mafia e politica e su come la criminalità organizzata allungato la propria longa manus anche in Amtab, Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bar...