In Sicilia anche autisti, controllori e addetti al tpl riceveranno la somministrazione di vaccini contro il Covid19 in tempi brevi. Lo ha comunicato la Regione siciliana alle associazioni di categoria. Tutto il personale delle linee di trasporto, sia pubblico che privato, avrà la stessa priorità riservata al corpo docenti e alle categorie a rischio.

I vaccini per gli autisti e tutto il personale del tpl: un gesto di attenzione della Regione Sicilia

È un gesto di grande sensibilità per il quale desideriamo ringraziare il presidente della Regione Nello Musumeci, l’assessore regionale per la Salute Ruggero Razza e l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone”. Sono queste le parole di Antonio Graffagnini, presidente di Anav Sicilia, e Claudio Iozzi, presidente di Asstra Sicilia. Questo gesto tiene infatti in giusta considerazione le esigenze di sicurezza degli addetti e degli utenti. “Va sottolineato che il nostro personale e i nostri mezzi ,anche nel periodo più duro dell’emergenza sanitaria hanno continuato a circolare, garantendo il diritto alla mobilità nonostante il naturale e fortissimo calo di passeggeri, disincentivati a utilizzare il trasporto pubblico dal pericolo di contagio. E ovviamente in larga parte impossibilitati durante il lockdown. Oggi la situazione è diversa. Con il ritorno degli studenti a scuola, dopo il periodo di didattica a distanza, sono tornati anche i passeggeri. Pertanto, riteniamo importante che il personale delle nostre aziende sia sottoposto a vaccino, onde evitare che possa diventare involontario veicolo di contagio”.

I vaccini per il personale tpl e i protocolli anti contagio

La decisione di introdurre la somministrazione dei vaccini anche per gli autisti e il personale del tpl in Sicilia è solo una delle tante iniziative per contrastare la diffusione del virus.

Nei mesi scorsi è stato infatti elaborato anche un “Protocollo aziendale di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid19 negli ambienti di lavoro e sugli autobus“.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Daimler Buses, 11 Mercedes Benz Citaro K Compact Hybrid per Bari

Undici Stelle ibride per il trasporto pubblico locale di Bari. Dopo la consegna risalente al settembre 2020, Amtab (Azienda Mobilità e Trasporti Autofiloviari di Bari) ha scelto ancora una volta Daimler Buses, aggiungendo 11 Citaro K Compact Hybrid per proseguire nel piano di rinnovamento della flot...

Iveco Bus fornirà 100 Urbanway Cng (articolati) ad Atene

Una commessa di 100 autobus a gas naturale compresso in Grecia. Iveco Bus porta a casa un altro importante ordine, questa volta ad Atene. Il Ministero greco delle Infrastrutture e dei Trasporti ha scelto il modello articolato Urbanway Cng, compatibile con il biometano. I Classe I sono articolati lun...