Si conclude oggi, venerdì 31 maggio, l’edizione 2024 del Busworld Turchia, l’appuntamento cult del mondo dell’autobus in Anatolia. Come sempre è stata una fiera molto, molto partecipata: nei due giorni che abbiamo trascorso al centro fieristico di Istanbul, infatti, ci siamo destreggiati tra padiglioni davvero affollati. Presenti tutti i big player turchi, a eccezione di Temsa, e due soli OEM stranieri come Iveco Bus e i cinesi di CRRC. L’unica vera novità della kermesse è stato il ritorno in campo – nel settore bus&coach – di Bozankaya, che ha messo in bella mostra un e-bus dal color verde sgargiante. Dunque, oltre a numerosissimi allestitori, ecco Otokar, Anadolu Isuzu, Karsan, BMC, Habas con modelli elettrici, a idrogeno e autonomi che abbiamo già avuto modo di conoscere, ma che rappresentano una news in madrepatria, dove appena l’1% del mercato è rappresentano da torpedoni a emissioni zero. Ecco, allora, la carrellata di (quasi) tutto quello che abbiamo visto nella nostra puntata in terra di Turchia.

Busworld Turchia 2024, i protagonisti

Otokar

Il market leader del mercato turco – l’azienda dichiara che un autobus su tre in patria è targato Otokar – ha timbrato il cartellino con quattro mezzi: i sei metri metri elettrici e driverless dell’e-Centro Autonomo, il Centro motorizzato diesel Euro 6 per il mercato interno, il turistico di punta Sultan Giga e l’e-Kent a batteria.

Anadolu Isuzu

Basata proprio a Istanbul, anche Anadolu Isuzu ha marcato visita con un quartetto, svelando per la prima volta in casa il Novo Volt, un Classe III compatto ed elettrico (immatricolabile anche in Classe II), che l’OEM aveva già lanciato in occasione del Busworld Europe 2023 di Bruxelles e visto recentemente anche a Next Mobility Exhibition a Milano. Dunque, il Citiport 12, il Novo Citi Volt e il Grand Toro. Insomma, due mezzi a batteria e due diesel.

Karsan

Tridente d’attacco per Karsan, tutto a zero emissioni e ad alta tecnologia: il produttore di Bursa, infatti, ha orgogliosamente rivendicato la scelta di fare all-in sulle trazioni alternative (per quanto in patria il diesel la faccia ancora da padrone). A dominare lo stand i 12 metri dell’e-Ata Hydrogen, i sei metri elettrici dell’e-Jest e gli 8 a guida autonoma dell’e-Atak.

Bozankaya

Vera novità del Busworld Turchia 2024 il ritorno in campo di Bozankaya, che ha deciso di ributtarsi con decisione nel segmento dei bus (elettrici). Dopo aver dedicato gli ultimi anni alla produzione di treni, tram e filobus, il costruttore ha scelto di rimettersi in gioco sul versante degli autobus e ha scelto il palcoscenico casalingo annunciarlo, con un modello a batteria che sarà disponibile con lunghezze di 10, 12, 18 e 25 metri.

BMC

BMC batte un colpo mettendo in bella mostra quattro modelli, due a motorizzazione diesel – il Neocity VIP e il Procity EU – e due a batteria – Neocity EV e il Procity EV -, visto che anche in a Turchia la trazione elettrica sta guadagnando strada, anche se ad oggi appena l’1% dell’immatricolato è rappresentato dagli e-bus.

Iveco Bus

Iveco Bus grande protagonista al Busworld Türkiye: svelato in anteprima mondiale l’Evadys che trasporterà parte della squadra olimpica turca alle Olimpiadi in programma nei prossimi mesi a Parigi, un mezzo che ha calamitato l’attenzione di tutti i presenti, per quanto non sia certo una novità di prodotto e
Al fianco del coach, ecco il Crossway da 12 metri nella sua versione standard motorizzato diesel (e con il vecchio design, come per l’Evadys). Stessa lunghezza per l’E-Way, il Classe I di casa.

Habas

Molto interessante l’offerta di Habas: presso lo stand del neonato costruttore turco (che ha debuttato al Busworld 2023 di Bruxelles) due autobus elettrici e uno a idrogeno. A batteria ecco l’Alfa City, un Classe I da 8,2 metri di lunghezza, e il turistico (sempre da 8,2 metri) Alfa Lux, mentre ad H2 ecco gli 11,8 metri del Comfort City.

CRRC

Ha fatto capolino a Istanbul anche il colosso cinese CRRC, il più grande produttore mondiale di materiale rotabile in termini di fatturato: non solo ferro, ma anche gomma e al Busworld Turchia il gigante del Paese del Dragone ha esposto il City Bus Electric 12.

E tutti gli altri: ZF, ABB, Ballard, Brist…

Era presente, ovviamente, anche il mondo della componentistica, a partire dal ZF, che scelto di mostrare a Istanbul la nuova generazione dell’assale per autobus urbani Low Floor: Ax Trax 2 LF. Un altro nuovo assale per bus a pavimento piatto è stato firmato dall’azienda italiana (bresciana) Brist, mentre ABB ha alzato il sipario sul nuovo motore AMXE205D per autobus, coach e anche truck, in coppia con l’inverter HES580. Infine Ballard, con l’ultima generazione del motore FCMove Fuel Cell (in mostra quello per gli articolati).

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autobus di Autolinee Toscane distrutto dalla fiamme

Tanta paura, ma fortunatamente nessun ferito, anche grazie alla prontezza dell’autista. Nella giornata di ieri un autobus di Autolinee Toscane ha iniziato a fumare per poi prendere fuoco e andare completamente distrutto, carbonizzato dalle fiamme. L’incidente è avvenuto lungo la carta de...