In collina il bus…è elettrico! Spieghiamo: da sabato 15 di aprile chi viaggia in collina potrà scegliere di muoversi in maniera green e sostenibile grazie a nuovi veicoli elettrici che serviranno le “linee collinari” di Gruppo Torino Trasporti. Un risultato importante, frutto della scelta strategica di GTT di mettere a gara questa parte di servizio e dell’offerta innovativa realizzata da Cavourese

Cavourese, realtà storica dei trasporti piemontesi (Gruppo Autoguidovie), si è infatti aggiudicata la gara di sub-affidamento per 5 anni delle linee 70,73,78, 79/, 53 e 54b con un progetto “full electric” in collaborazione con Enel X. 

Potrebbe interessarti

Cavourese e Gtt vanno in collina…in elettrico

Con il nuovo contratto queste linee collinari, insieme alle linee urbane 1 e 2 di Chieri (queste ultime già in sub-affido da GTT a Cavourese) e la VE2, saranno servite con 14 autobus elettrici. I nuovi e-bus, nelle due versioni da 10,8 metri e da 8,5 metri, sono di dimensioni ridotte appositamente studiati per consentire la circolazione su strade collinari ristrette

Ecco le tempistiche del progetto nel dettaglio. A partire dal 15 aprile i nuovi e-bus saranno impiegati sulle linee 70, 73, 78 e 89/ e dal 2 maggio l’elettrificazione interesserà le linee 1 e 2 di Chieri. Le linee 53 e 54b, che continuano per il momento ad essere gestite da Gtt, passeranno in elettrico in una seconda fase di progetto. 

I commenti dei protagonisti: Gtt, Cavourese ed Enel X

“Siamo soddisfatti di questo risultato, frutto di una visione aziendale complessiva che coniuga efficienza e sostenibilità” commenta Serena Lancione, Amministratore Delegato di GTT “Il servizio collinare per sue caratteristiche richiede una gestione particolare e l’utilizzo di veicoli dedicati: la scelta strategica di mettere a gara il servizio, valorizzando un’offerta ecologica totalmente a trazione elettrica è risultata vincente. Confidiamo finalmente di poter garantire agli abitanti della collina un servizio di qualità”. 

“Innovazione, tecnologia, sostenibilità ambientale, valorizzazione del territorio, efficienza nel servizio, attenzione nei confronti dei clienti e delle loro necessità rappresentano i principi ispiratori della strategia aziendale di Cavourese e del gruppo Autoguidovie” dichiara Giovanni Tresoldi, Amministratore delegato di Cavourese” Attraverso l’aggiudicazione di questa importante gara, il primo progetto di “bus as a service” in Italia, che si “concretizza” con l’introduzione di una flotta di autobus elettrici per gli spostamenti nel capoluogo piemontese, contribuiamo a rendere il sistema di mobilità Torino sempre più sostenibile. Il processo di transizione energetica per raggiungere un trasporto pubblico a impatto zero compie oggi un grande salto in avanti. E in questo senso Cavourese, nel contesto delle aziende private del settore, sta certamente svolgendo un ruolo da apripista su temi così importanti che, come quello green e quello della riduzione degli inquinanti, condizionano il presente ma soprattutto decidono il futuro”. 

“Da tempo gli abitanti della collina segnalano la necessità di un servizio migliore.” dichiara l’Assessora alla Transizione ecologica e digitale, Innovazione, Ambiente, Mobilità e Trasporti del Comune di Torino, Chiara Foglietta “Oggi abbiamo la possibilità di unire alla qualità del servizio anche innovazione e interventi importanti in termini di transizione ecologica. La Città di Torino si trova di fronte a sfide importanti nell’ambito della Missione europea NetZero Cities per il raggiungimento della neutralità climatica. Questo è un tassello importante anche nell’ottica di questa strategia ambientale di ampio respiro”. 

“Elettrificare il trasporto pubblico locale è un’occasione per ridisegnare la mobilità delle nostre città in una logica più smart e sostenibile” conclude Augusto Raggi, Responsabile Enel X Italia. “Con il modello “bus as a service”, l’Azienda offre ai partner e alle amministrazioni una soluzione che comprende l’intera gamma di servizi innovativi per elettrificare il parco mezzi del trasporto locale. Partiamo da questo progetto con Cavourese, una delle realtà più dinamiche del settore del tpl, che grazie al nostro aiuto metterà a disposizione dei cittadini nuovi bus elettrici che garantiscono ottime prestazioni, sono efficienti e rispettano l’ambiente”. 

Il progetto Bus as a Service

BaaS, ovvero “Bus as a service” è la soluzione innovativa sviluppata da Enel X per l’elettrificazione del trasporto pubblico urbano che si basa sull’offerta di energia per km percorsi: i clienti acquistano i km elettrici necessari per coprire le tratte garantendo così un’erogazione efficiente e sostenibile del servizio. Il modello prevede anche la dotazione e manutenzione dei mezzi, le stazioni di ricarica, le infrastrutture elettriche in cabina e a deposito, il software per il monitoraggio da remoto delle operazioni di ricarica per evitare picchi di consumo di energia, oltre che l’intero finanziamento degli investimenti. 

Impatto ambientale  

Considerando che un autobus suburbano percorre una media annua di 80mila chilometri (dato Uitp), la messa in servizio dei nuovi autobus elettrici, in luogo di mezzi a trazione diesel, permetterà un taglio di emissioni pari a circa 1.500 tonnellate di anidride carbonica che equivalgono alla capacità di assorbimento di circa 9mila alberi disposti su una superficie di 60 ettari di terreno. 

Caratteristiche tecniche e-bus  

Tutti gli autobus elettrici – firmati dalla cinese Bazn Auto – (una novità assoluta sul mercato) presentano un pianale totalmente ribassato con pedana per disabili. Il motore elettrico è di tipo sincrono a magneti permanenti con una potenza massima, per la versione da 10,8 metri, di 350 kW mentre per le versioni da 8,5 metri la potenza è di 245 kW. Ad alimentare i motori ci pensano i pacchi batterie al litio ferro fosfato, posizionati sul tetto, con una capacità di 383 kWh (per i modelli più lunghi) e di 268,7 per gli 8,5 metri. L’autobus da 10.8 metri trasporta un totale di 90 passeggeri mentre sui più corti i posti disponibili sono 60. Entrambe le tipologie di autobus sono equipaggiate con i più innovati sistemi di sicurezza attiva.

In primo piano

Rampini, Eltron e Hydron: quando il midibus (sostenibile) è flessibile

Una gamma da 8 metri, declinata nelle due tecnologie che stanno rivoluzionando il comparto del trasporto persone: Eltron e Hydron sono, rispettivamente, la risposta di Rampini alle sfide poste della transizione energetica in elettrico e a idrogeno.  Il costruttore italiano, da Passignano sul Tr...

Articoli correlati

La transizione di ATB Bergamo, che ha il 74% della flotta diesel free

Diciotto nuovi bus a basse emissioni che avvicinano ATB Bergamo all’obiettivo di una flotta diesel free: nelle scorse settimane, infatti, sono stati introdotti 17 autobus a metano IIA Citymood e uno, sempre a metano, Otokar Kent C.   L’acquisto dei 18 Classe I rientra nel piano aziendale di rinnovo ...
Tpl