La presentazione deve ancora arrivare, ma il primo contratto è già stato siglato. Bolzano è la prima ad ordinare l’autobus Solaris Urbino hydrogen, in ben 12 unità. Il modello sarà presentato settimana prossima al Global Public Transport Summit UITP di Stoccolma.

A Bolzano, gli Urbino a celle combustibili raggiungeranno altri autobus a batteria firmati dal costruttore polacco. La città altoatesina è stata la prima in Italia ad ordinare autobus elettrici articolati. Il contratto, sostenuto dal progetto JIVE finanziato dall’UE, comprende un pacchetto di manutenzione e assistenza della durata di 8 anni. Solaris è stata l’unica azienda a partecipare alla gara d’appalto da 12,8 milioni di euro.

CLICCA QUI PER L’ARTICOLO
Solaris pronta a svelare l’Urbino 12 a idrogeno al summit Uitp a Stoccolma

Solaris Urbino hydrogen

Sasa Bolzano verso una flotta verde

Sasa Bolzano, un’azienda fortemente impegnata in direzione della transizione energetica, sarà il primo cliente a ricevere l’ultima novità di Solaris, vale a dire l’Urbino hydrogen. L’azienda di trasporti pubblici ha già effettuato una sperimentazione con autobus a idrogeno, precisamente cinque Mercedes Citaro a celle a combustibile, nell’ambito del progetto CHIC (Clean Hydrogen in European Cities) finanziato dall’UE (nella foto sotto). I veicoli sono ancora in funzione.

L’autobus a idrogeno Solaris al summit UITP 2019

I veicoli saranno dotati di un sistema di celle a combustibile da 60 kW e di una piccola batteria Solaris High Power. La batteria è riempita con energia derivata dall’idrogeno e dalla frenata a recupero, ma è anche possibile ricaricarla tramite una presa plugin.

A completamento della catena cinematica trova posto, come di consueto, l’assale elettrificato Zf AxTrax montato anche sulla versione elettrica a batteria dell’Urbino. L’assale è dotato di motori elettrici integrati ai mozzi (2 x 125 kW). Al fine di ridurre al massimo i consumi energetici, il veicolo sarà dotato di un sistema di climatizzazione con pompa di calore CO₂ che permette di sfruttare il calore residuo della cella a combustibile.

Solaris bus a idrogeno, l’autonomia non sarà un problema

In un sistema a celle combustibili, l’energia elettrica viene generata in un processo chiamato elettrolisi inversa e poi trasmessa direttamente alla linea di trasmissione. Gli unici prodotti della reazione chimica che si verifica nella cella a combustibile sono il calore e il vapore. Di conseguenza, il veicolo non genera alcuna sostanza nociva. L’idrogeno viene stoccato in serbatoi a tetto in materiale composito. Secondo il costruttore, l‘autobus sarà in grado di percorrere fino a 350 km in un’unica ricarica.

All’interno del contratto è prevista anche una formazione speciale per autisti e personale di officina, sottolinea Solaris, mirata ad approfondire gli aspetti di sicurezza legati all’utilizzo e alla manutenzione dei veicoli a idrogeno.

“Bolzano investe fortemente nel trasporto pubblico moderno e pulito. Sono molto contento che Solaris possa far parte di questo progetto, fornendo le sue più recenti tecnologie a emissioni zero. Sasa ha già i nostri autobus elettrici Urbino. Ora Solaris e Bolzano vanno a idrogeno”, afferma Petros Spinaris, Deputy CEO di Solaris Bus & Coach S.A.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Consip, da gennaio ordinati circa 1.000 autobus

Consip. È in piena attuazione il piano del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) per l’ammodernamento e la transizione ecologica del parco autobus destinato al Trasporto Pubblico Locale (TPL). Grazie al proficuo rapporto di collaborazione instaurato con Consip per offrir...