Autoguidovie è stata tra protagonisti del convegno ‘On the electric way’ tenutosi ad Adria e dedicato al tema della transizione energetica, a cui hanno partecipato le più importanti aziende di trasporto pubblico italiane. L’azienda ha raccontato i propri progetti, tra cui quello di autobus elettrici che contribuiscano alla mobilità urbana sostenibile.

Autoguidovie, i progetti per gli autobus elettrici e la sostenibilità

«Il tema della sostenibilità ambientale è il perno sui cui ruota la nostra azione e la transizione elettrica rappresenta un tassello fondamentale», ha dichiarato in apertura Stefano Rossi, amministratore delegato di Autoguidovie. «Certamente si tratta di un passaggio delicato ed è per questo che abbiamo costituito uno specifico gruppo di lavoro di ingegneri a cui abbiamo affidato il compito di accelerare i processi di digitalizzazione ed elettrificazione dell’intero gruppo».  

Il primo progetto interesserà la città di Pavia. Grazie, infatti, al PSNMS (Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile), Autoguidovie intende mettere in servizio, entro il 2023, 15 autobus elettrici: «un progetto che prevede anche la realizzazione delle infrastrutture di ricarica». Si tratta di un primo passo verso un sistema di trasporto a impatto zero che diventerà un valore per tutti i cittadini di Pavia. 

«All’interno della nostra visione e dei nostri progetti», ha dichiarato Rossi «a partire dal 2017 abbiamo deciso di costruire e presentare il nostro Bilancio di Sostenibilità, il report che individua risultati ed effetti delle prestazioni di Autoguidovie, declinati secondo le tre dimensioni della sostenibilità: sociale (clienti e dipendenti), ambientale ed economica. Giunto alla sua quarta edizione, il Bilancio di Sostenibilità è stato ulteriormente arricchito integrando nella rendicontazione l’Agenda 2030 ONU». 

Autoguidovie – ritenendo centrale la visione espressa dall’Agenda ONU – ha voluto avviare un percorso volto alla misurazione e comunicazione del proprio contributo per la costruzione di un modello di sviluppo sostenibile. 

Quello della sostenibilità è un tema che Autoguidovie sostiene in tutti i territori coperti dal proprio servizio. Per questo l’azienda dispone di una flotta di autobus a metano che copre l’intero servizio di Crema e sono in consegna 45 bus ibridi, parte di un programma più ampio e articolato che prevede il rinnovo del 30% del parco circolante nell’arco del prossimo quinquennio. «Un investimento in cui c’è una forte componente di autofinanziamento in quanto autobus moderni ci consentono di offrire un servizio migliore, più affidabile, più sicuro con un impatto ambientale ridotto». 

Sul tema ‘sostenibilità’ lo stile di guida gioca un ruolo importante. Per questo motivo l’azienda offre ai propri autisti un percorso di formazione denominato “EcoDrive”, «che garantisce un minor consumo di carburante e di conseguenza un ridotto impatto ambientale». 

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Il Gruppo FS a InnoTrans con il bus a idrogeno di Qbuzz

Il Gruppo FS ha messo in mostra ad Innotrans, la più importante fiera internazionale dedicata alle tecnologie dei trasporti che si tiene a Berlino, uno dei suoi autobus green a idrogeno. I bus sono impiegati quotidianamente nelle province di Groningen e Drenthe dall’azienda olandese Qbuzz, ter...