È stato sottoscritto il 15 giugno 2021 tra le rappresentanze datoriali, tra cui l’associazione di categoria Anav e le Organizzazioni sindacali, un verbale di accordo sul ccnl autoferrotranvieri, che definisce il triennio 2018-2020 attraverso il riconoscimento al personale di una somma una tantum di € 680,00 lordi.

L’accordo per il ccnl autoferrotranvieri

Secondo l’accordo, al personale di ccnl autoferrotranvieri spetta, per il triennio che va dal 2018 al 2020, a tempo indeterminato alla data di sottoscrizione del verbale, una somma una tantum di € 680,00 lordi al parametro 175, riparametrata secondo la scala professionale vigente.

Questa somma una tantum verrà corrisposta in due soluzioni. La prima, di 300 euro, sarà ricevuta dai lavoratori con la retribuzione del mese di luglio 2021; la seconda, di 380 euro, con la retribuzione del mese di dicembre 2021.

Per il personale impiegato nel periodo gennaio 2018/dicembre 2020 in misura almeno pari all’80% della propria attività nei servizi di linea non soggetti a obblighi di servizio pubblico, dato lo stato attuale di crisi del settore, la somma sarà erogata in tre tranches. 200 euro saranno corrisposti con le retribuzioni del mese di ottobre 2021; altri 200 euro con le retribuzioni del mese di dicembre 2021; 280 euro, infine, con le retribuzioni del mese di luglio 2023.

Tutte le Parti coinvolte hanno concordato di riprendere il confronto dal 21 giugno, con l’obiettivo di concludere con le decisioni definitive entro il 30 novembre. Entro il 16 luglio sarà necessario aver completato la revisione delle norme contrattuali in tema di retribuzione delle ferie e la definizione di una possibile intesa quadro, allo scopo di agevolare le transazioni a livello individuale sul periodo pregresso. Sarà inoltre obiettivo del confronto definire un adeguamento dell’art. 38 dell’accordo nazionale 28 novembre 2015 relativo al “Fondo TPL salute”.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...