Autobus elettrici, anche Messina e Padova parlano cinese. Le due città si affiancheranno a Torino e Novara tra le realtà italiane percorse da veicoli a zero emissioni firmati da Byd. La società cinese ha vinto la gara per l’acquisto dei primi 13 bus elettrici che entreranno in circolazione entro fine anno con la livrea di Atm Messina. Sempre Byd fornirà sei autobus elettrici alla flotta di Padova, gestita da Busitalia Veneto e attualmente in fase di gara di servizio.

Messina scommette sugli autobus elettrici

A Messina si sono svolti recentemente i primi test, sul percorso che è in corso di elaborazione per la nuova linea di autobus elettrici. L’annuncio è arrivato dall’assessore Gaetano Cacciola. Il percorso, secondo quanto comparso sulla stampa locale, andrà da piazza Castronovo al Policlinico, attraversando la via Garibaldi, corso Cavour, via Cesare Battisti alta, passerà davanti al Gran Camposanto per poi giungere al Policlinico e tornare indietro a piazza Castronovo. Il percorso della nuova linea sarà condiviso con la città, nel corso di un workshop, il 18 aprile.

Byd, cinesi con radici in Ungheria

Sempre Byd ha vinto una gara da sei mezzi per Padova. Una vittoria che arriva in seguito a un test effettuato poche settimane prima con un autobus dell’azienda cinese, che ha anche all’attivo uno stabilimento in Ungheria, costato 20 milioni di euro. Un anno fa, Byd ha inoltre annunciato che è pronta a investire dieci milioni di euro nella realizzazione di un sito produttivo nella città francese di Allonne, nell’Hauts-de-France (a nord di Parigi). Il bus è  dello stesso tipo di quelli che compaiono nelle flotte di Gtt Torino e di Sun Novara, acquistati nell’ambito di una gara promossa dalla regione Piemonti con fondi ministeriali. Oltre ai 23 dodecametrici, scenderanno presto in strada altri 13 corti da 8,7 metri, così suddivisi: 8 a Gtt (che li inserirà in una flotta dove già trovano posto 20 autobus elettrici Byd da 12 metri), 2 ad Amag Alessandria e altrettanti a Buscompany (Saluzzo), uno per Chiesa, operatore di Carmagnola.

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

PRESENTAZIONE / Altas Novus City V7: (quasi) unico nel suo genere

Zhongtong, Altas, D’Auria. Questo il trio di brand dietro al Novus City V7, ultima novità del costruttore lituano presentata al Busworld di ottobre scorso e protagonista a inizio febbraio di un roadshow tra Trento e Bolzano curato dal dealer italiano di Altas, il gruppo D’Auria. Il modello è realizz...