Il bilancio 2016 di Atap si chiude con quasi 45mila euro di utili: sono allo studio ipotesi di alleanze con altre aziende piemontesi in vista della gara di servizio su bacino regionale. Lo riporta il quotidiano “La Stampa”. Ad aprirsi è una nuova pagina della storia recente dell’azienda di Biella, mentre permane la situazione di incertezza dovuta alla volontà della provincia di Biella di disfarsi delle proprie quote. Una decisione che finora si è scontrata con la scarsa appetibilità di una società con contratto di servizio in scadenza: la prima gara è andata deserta.

Ati o nuova società?

Secondo le notizie circolate negli ultimi giorni, il futuro di Atap Biella appare deciso: l’obiettivo è quello di stringere alleanze nel Nord-Est del Piemonte in vista dell’affidamento del servizio di tpl che non sarà più su scala provinciale ma di quadrante come indicato nel pre-avviso pubblicato dall’agenzia della mobilità piemontese. Lo ha affermato il presidente dell’azienda Rinaldo Chiola. Tra le ipotesi sul banco non c’è solo la costituzione di un’associazione temporanea d’impresa, ma anche quella di mettere in campo una nuova società: «Fondare una nuova associazione temporanea d’impresa può essere una strada percorribile – queste le parole di Chiola -, ma possono esserci anche altre formule. C’è un anno per preparare tutto in attesa della pubblicazione della gara sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea».

…e la vendita delle quote della Provincia?

Tuttavia, prima ci sarà da capire quale sarà l’assetto societario dell’azienda: liquidata Atap Gold (che avrebbe dovuto occuparsi di noleggio bus), Atap è in attesa di conoscere la posizione delle Province di Biella e Vercelli sulla vendita delle rispettive quote. Al momento, si legge su “La Stampa”, tutto è congelato. Si attende un annuncio entro fine mese, quando la Provincia di Biella svelerà il suo piano per l’approvazione del bilancio, che presenta un deficit di 5 milioni di euro. Intanto Atap ha chiuso il 2016 percorrendo 4,8 milioni di chilometri e registrando 44.800 euro di utili.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl