schermata-2016-03-11-alle-10-17-29

Targhe illeggibili, Atac costretta a reimmatricolare i bus classe 2001-2002 a cento euro l’uno. Il rischio, infatti, è quello di non passare la revisione. La notizia è uscita sul “Corriere della sera” nei giorni scorsi. Sarebbero 140 i bus reimmatricolati dall’inizio dell’anno, per una spesa approssimativa di 14mila euro.

Il problema è dovuto al deterioramento delle targhe. Nella flotta Atac non mancano bus con una bella sfilza di primavere sulle spalle: tra lavaggi e agenti atmosferici, lettere e numeri sono pian piano sbiaditi. Ecco che i bus, onde evitare di venire respinti alla revisione, vengono reimmatricolati e forniti di targhe nuove di zecca. I sindacati pungolano: «Sono sprechi evitabili con una corretta manutenzione che però non c’è – così David Cartacci di Fit Cisl -. Oggi vengono tenuti in vita mezzi che sarebbe più economico ricomprare anziché riparare continuamente»

In primo piano

Energy Mobility Solutions, la bussola di Iveco Bus per guidare i clienti verso la transizione energetica. L’intervista a Federica Balza, Sales Infrastructure Engineer

Si chiama Energy Mobility Solutions ed è il modello di business per la mobilità elettrica messo a punto da Iveco Bus per supportare gli operatori nella transizione energetica, offrendo una soluzione chiavi in mano su misura, dalla progettazione dei veicoli e delle relative installazioni alla loro re...

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati