Atac, si evolvono i sistemi di vendita. La nuova offerta spazia dall’acquisto multiplo di BIT (biglietto integrato a tempo) tramite smartphone al pagamento della sosta tramite carta di credito, fino alle innovative chip on paper ricaricabili e al nuovissimo portale dei vantaggi, con offerte riservate agli abbonati. Intanto, sono allo studio ipotesi di piano B al concordato preventivo oggetto di una richiesta di chiarimenti da parte del tribunale.

Atac in collaborazione con Mastercard e Cicero

L’azienda di trasporti pubblici capitolina ha presentato ieri, nella cornice della Stazione Termini e alla presenza del Presidente Simioni, del Sindaco Raggi, dell’Assessore Linda Meleo e del Presidente della Commissione Mobilità di Roma Capitale Enrico Stefàno, quattro nuovi strumenti di vendita per titoli di viaggio e sosta. Si parte da B+, la nuova vitamina del trasporto. Atac, spiega l’azienda in un comunicato stampa, ha realizzato un upgrade del sistema che consentiva l’acquisto di titoli di viaggio attraverso lo smartphone. Adesso con la nuova piattaforma B+ sarà possibile acquistare e utilizzare contemporaneamente fino a 20 BIT in un’unica transazione, anche in modalità multiuso per famiglie e gruppi. Grazie alla collaborazione con Mastercard e myCicero tutta la rete di trasporto Atac  sarà fornita di validatori che consentiranno di utilizzare lo smartphone. La vendita dei titoli avviene attraverso la piattaforma informatica dei gestori.

Atac: obiettivo dematerializzare i titoli di viaggio

La nuova offerta Atac prosegue, poi, con una nuova card per dematerializzare i BIT. Atac ha messo in commercio al costo di un euro una nuova contactless card dove si possono caricare i BIT e i titoli turistici di 24/48/72 ore e CIS (titolo settimanale). E’ il primo passo verso la dematerializzazione dei titoli di viaggio, ossia la sostituzione dei titoli cartacei, che comunque rimarranno in commercio, con supporti di tipo chip on paper, più sostenibili e moderni. Anche i titolari delle altre card Atac (Metrebus Red e la èRoma) potranno caricare BIT e titoli turistici. Entro la fine di giugno 2018 su tutte le card Atac sarà possibile caricare un carnet di BIT. La soluzione ideale per chi usa saltuariamente il trasporto pubblico.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl