I consigli di amministrazione delle tre società tpl abruzzesi, Arpa, Gtm e Sangritana, hanno «deliberato la fusione». Si mette così in pratica la legge approvata lo scorso 9 dicembre dal Consiglio Regionale Abruzzo che di fatto abbraccia l’opzione “azienda unica regionale”. La fusione, si legge, è stata definita come “semplificata” in quanto è avvenuta per incorporazione nell’Arpa delle altre due società. Dopo alcuni passaggi dettati dalle norme vigenti (tra cui l’approvazione del progetto di fusione da parte del cda) l’appuntamento è fissato per fine marzo quando vedrà la luce il nuovo soggetto unico del trasporto abruzzese.

 

 

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl