Navya, azienda leader nei sistemi di guida autonoma, annuncia di essersi aggiudicata quattro importanti progetti tecnologici innovativi, tre dei quali fanno parte del Programma di rilancio.

Navya, i progetti tecnologici del programma France Relance

Il programma France Relance è un’iniziativa del governo. È stato introdotto dal Primo Ministro nel settembre 2020 e il suo obiettivo è costruire la Francia del 2030 con 100 miliardi di euro stanziati per promuovere iniziative strategiche e affrontare la crisi del Covid-19.

Navya ha ottenuto un totale di 7,5 milioni di euro di sussidi (principalmente non rimborsabili) per quattro progetti tecnologici.

Il progetto DLS (Deep Learning Segmentation)

Mira a raccogliere dati dall’ambiente stradale e quantificare gli ostacoli rilevati utilizzando moduli di Intelligenza Artificiale e Big Data. L’obiettivo è alimentare il database e i dataset per riconoscere i cambiamenti nell’ambiente stradale, modificare dinamicamente la mappa di riferimento e adattare il comportamento del veicolo.

Il progetto 5G-AV (5G for Autonomous Vehicles)

Intende implementare operativamente i contributi tecnologici del 5G nella guida autonoma a beneficio dei clienti, in partnership con Orange. In particolare la teleassistenza, la cybersecurity e il trattamento dei dati analizzati dall’Intelligenza Artificiale importati nei centri di calcolo degli operatori. Questa iniziativa farà seguito alla sperimentazione di livello 4 completamente autonoma effettuata a Châteauroux nel giugno 2020. Questo progetto è un vincitore del programma France Relance.

L’A.I.V. (Autonomous Industrial Vehicles)

Consiste nello sviluppo di un concetto innovativo di trattori dotati di tecnologie di guida autonoma e servizi associati, adattati alle specificità delle applicazioni nei settori aeroportuale, industriale, della grande distribuzione e dell’e-commerce. Questo progetto accelererà lo sviluppo dell’AT135 all’interno della joint venture SOFVIA tra Navya e Charlatte Manutention. Anche questo progetto è un vincitore del programma France Relance.

EFIBA (Emergence of the Autonomous Bus Sector)

Si tratta di un’iniziativa guidata da un consorzio composto da Actia, Bluebus e Keolis che desiderano preparare il settore francese per il mercato degli autobus autonomi. L’ambizione di questo progetto è sviluppare e industrializzare una versione automatizzata degli autobus elettrici Bluebus, dalla loro progettazione alla loro commercializzazione.

Il commento

Pierre Lahutte, CEO di Navya, ha dichiarato: “Vorrei ringraziare i Ministri Bruno Le Maire, Agnès Pannier-Runacher, Cédric O e Jean-Baptiste Djebbari che, attraverso questo finanziamento France Relance, hanno riconosciuto la qualità dell’esperienza di Navya al cuore dei veicoli autonomi e connessi di domani. Queste nuove risorse rafforzeranno ulteriormente la forte posizione finanziaria di Navya nello sprint finale per raggiungere soluzioni commerciali di guida autonoma di livello 4”.

Anne-Marie Idrac, Alto Rappresentante per la strategia di sviluppo dei veicoli autonomi ed ex Segretario di Stato ai Trasporti, Presidente della RATP e poi della SNCF, aggiunge: “Il settore della mobilità è soggetto a grandi cambiamenti per i quali aziende come Navya forniscono servizi soluzioni concrete. Già riconosciuta per i progressi tecnologici raggiunti, in particolare con la prima operazione di livello 4 completamente autonoma lanciata nel giugno 2020, Navya sarà in grado, grazie a questo finanziamento pubblico, di contribuire ancora di più allo sviluppo dei veicoli autonomi in Francia e quindi difendere un modello di sviluppo francese per la mobilità autonoma”.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...