ZF ha annunciato il lancio di una nuova piattaforma innovativa di attuatori freno, che è già valsa al Gruppo un accordo a lungo termine con un importante OEM con sede in Europa per equipaggiare i suoi autocarri e autobus.

Gli attuatori freno ZF: la tecnologia e l’approccio

Utilizzando per la prima volta un approccio basato su piattaforma, la tecnologia di quarta generazione di attuatori freno di ZF offre significativi vantaggi agli OEM in termini di sicurezza e costi. “La nostra nuova piattaforma di attuatori freno, fornendo i più elevati standard di sicurezza e qualità, offre significativi vantaggi agli OEM in termini di prestazioni e di efficienza, inclusa la riduzione dei costi e delle varianti. L’esserci aggiudicati la fornitura da parte di un importante OEM è una chiara conferma del nostro approccio” spiega Nick Rens, EVP, President EMEA with ZF’s Commercial Vehicle Control Systems division. “Avendo venduto oltre 70 milioni di attuatori freno nel mondo, questa innovazione potrà avvantaggiarsi della nostra posizione di partner di fiducia degli OEM, grazie a quasi quattro decenni di esperienza nello sviluppo della tecnologia degli attuatori freno. La nostra nuova piattaforma di attuatori freno è un potente esempio di come ZF continui a innovare i suoi prodotti chiave al fine di garantire miglioramenti continui alla propria clientela” ha aggiunto Rens.

Assicurando agli OEM di tutto il mondo una differenziazione ad alto valore aggiunto, la gamma di camere del freno di ZF, sviluppata con approccio innovativo, supporta tutti i tipi di camion, autobus e rimorchi. La riprogettazione si basa sulla comprovata tecnologia di azionamento dei freni di WABCO, con una rigorosa attenzione al design-to-cost. Attraverso la standardizzazione, la piattaforma consente economie di scala, offrendo agli OEM significativi risparmi sui costi. Ciò include una riduzione delle varianti fino al 27% e dei componenti fino al 23%, nonché risparmi sui relativi costi di manutenzione. Richiedendo meno spazio e offrendo una maggiore flessibilità di montaggio, anche la dimensione e il peso dei componenti sono stati ridotti. La maggiore qualità e robustezza della tecnologia contribuisce a migliorarne l’affidabilità e all’ottimizzazione dei tempi di attività del veicolo, massimizzando ulteriormente l’efficacia in termini di costi.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Cummins taglia il traguardo dei 20mila motori forniti a Otokar

Sedici anni insieme festeggiati con il traguardo dei ventimila motori consegnati per autobus e coach. Cummins e Otokar celebrano la partnership con la consegna, al costruttore turco, di una targa celebrativa, tenutasi presso lo stabilimento di motori di Darlington, nel Regno Unito. Sin dalla prima i...

Un nuovo nome e una nuova immagine: nasce PEI Mobility

La business unit di P.E.I Srl, dedicata alla fornitura di prodotti per l’interconnessione di autobus articolati, cambia nome e veste grafica proponendo un rebranding volto a consolidare i numeri di una realtà che, durante un percorso lungo quasi vent’anni, ha saputo distinguersi e affermarsi nel mer...

MAN costruisce una fabbrica di batterie a Norimberga

A partire dall’inizio del 2025, MAN Truck & Bus produrrà batterie ad alta tensione per autocarri e autobus elettrici in larga scala presso il proprio stabilimento di Norimberga. Per realizzare questo progetto l’azienda investirà circa 100 milioni di euro nei prossimi cinque anni nell...