Otto autisti dell’Amat, l’azienda di trasporto pubblico del Comune di Taranto, sono indagati per violenza sessuale aggravata ai danni di una ragazza disabile di 20 anni. E’ quanto riporta oggi “La Gazzetta Del Mezzogiorno”. Gli autisti hanno un’eta’ compresa tra i 40 e i 62 anni. La ragazza, quando aveva 14 anni fu gia’ vittima di violenza sessuale da parte di un vicino di casa (condannato in via definitiva). I conducenti dei mezzi pubblici sono accusati di violenza sessuale con le aggravanti di aver agito su persona sottoposta a limitazioni della liberta’ personale (perche’ quasi sempre luogo delle violenze erano bus di linea ai quali i guidatori chiudevano le portiere per impedire alla vittima di scendere) e per aver commesso il fatto nella veste di incaricati di pubblico servizio.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News