di Roberto Sommariva

Sul Transpotec 2015 si potrebbe scrivere un libro. Ma questo non è un sito di camion e sarebbe quasi inopportuno sprecare inchiostro sulle attese di un comparto in ginocchio, sulle tante dita incrociate che sono li a scongiurare una ripartenza del settore e sulle strategie di un marketing che ha la faccia stanca e depressa. Io però il tifo continuerò a farlo, ci mancherebbe altro. Quello del camion è un comparto importante, in qualche modo attiguo al ‘nostro’ a cui sono affezionato. Perché parlo di Transpotec? Per varie ragioni. La prima è perché Verona sino a qualche anno fa, sotto il profilo fieristico, era la capitale dell’autobus. L’altra è perché l’idea di rivedere l’autobus nei padiglioni di Verona ritorna ciclicamente e ciclicamente naufraga lasciando a Rimini spazio e fiato per una volata che a questo punto sembra irrefrenabili.

Al Transpotec, comunque, qualcuno del mondo bus si è visto.  Il gruppo Man, infatti, ha messo sotto i riflettori il Lion’s Intercity, una vera primizia per l’Italia. Si tratta del 12,2 metri Classe II a cui è stato chiesto di arginare le manovre di Iveco e Mercedes. Ma al netto degli aspetti tecnici del nuovo Man (a cui Autobus ha dedicato un servizio completo sul numero di Aprile 2015) sono felice di pubblicare questa foto che ho scattato oggi al Transpotec perché, secondo la mia personalissima opinione, rappresenta, a suo modo, l’Italia dell’autobus. Cioè quel mondo fatto di persone, di momenti, di emozioni. Perché quello dell’autobus è uno dei pochi settori dove si conoscono ancora i nomi, le famiglie e le vicende personali di ogni cliente (e in tanti casi non sono solo clienti, ma veri amici). Dove il rapporto umano è ancora presente e dove i titoli e i cognomi sono di troppo. Ed è per questo che i sorrisi di Franco Pedrotti, responsabile vendite bus Man Italia, e di Tiziano Gavardini, responsabile settore pubblico Man, sono una bella cartolina per un settore che ci mette la faccia e che è pronto a ripartire. Ora.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sicurezza a bordo: regole e responsabilità nei viaggi in bus

di Gianluca Celentano, conducente bus A bordo dovremmo saperlo tutti: è vietato imbarcare valigie, zaini o borse voluminose, e questo non per capriccio dell’autista, ma per questioni di sicurezza. Se non siamo noi a fare la selezione, ci penserà la polizia stradale al primo controllo. Nel malaugurat...