Iveco Bus e Via Transportation hanno annunciato la firma di due protocolli d’intesa per esplorare soluzioni di trasporto on-demand personalizzate che combinino l’uso di veicoli Iveco Bus, compresi minibus alimentati da energie alternative, con l’applicazione software, la progettazione del servizio e l’esperienza operativa di Via. Una prima fase della cooperazione tra le due aziende è stata firmata nel 2022.

Potrebbe interessarti

Iveco Bus e Via insieme al Politecnico di Milano e Humanitas

Gli accordi, firmati rispettivamente con il Politecnico di Milano e con Humanitas, riguardano l’implementazione di progetti pilota per offrire soluzioni di trasporto a chiamata personalizzate e flessibili a soggetti privati.

Il primo protocollo d’intesa si riferisce al progetto con il Politecnico di Milano, finalizzato all’implementazione di una nuova soluzione di trasporto on-demand per gli studenti e i membri del personale della facoltà per facilitare la loro mobilità. Il secondo protocollo d’intesa è stato firmato con Humanitas per favorire una mobilità accessibile e conveniente per i dipendenti e gli studenti dell’ospedale. L’obiettivo è offrire una soluzione di mobilità innovativa e flessibile attraverso un’offerta facile da implementare e personalizzabile.

Questi due casi d’uso e i due partner specifici sono stati individuati insieme al Circular Economy Lab, una partnership tra Cariplo Factory e Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Marco Franza, Responsabile Servizio Clienti Bus, ha dichiarato: “Questi accordi dimostrano l’ambizione di Iveco Bus di andare oltre nella sua offerta di servizi e di esplorare un approccio di soluzione di trasporto integrata. Con Via, stiamo lavorando per fornire ai passeggeri servizi di assistenza innovativi che offriranno loro la migliore esperienza di mobilità“.

Siamo entusiasti di lavorare a fianco di Iveco Bus, del Politecnico di Milano e di Humanitas per portare l’innovazione dei trasporti nelle comunità del Politecnico di Milano e di Humanitas. Insieme, sfrutteremo la nostra esperienza e la nostra tecnologia all’avanguardia per supportare le esigenze di mobilità degli studenti, dei docenti e del personale del Politecnico di Milano e di Humanitas, riducendo al contempo la congestione del traffico, migliorando la qualità dell’aria e migliorando l’accessibilità complessiva della città”. Questa iniziativa segna l’inizio di quella che riteniamo sarà una serie di progetti di grande impatto volti a migliorare il trasporto urbano e aziendale”, ha dichiarato Anthea Greco, Country Manager Italia, Spagna e Portogallo di Via.

Potrebbe interessarti

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

ATB Bergamo si rifà il look: nuovo sito e nuova app

Sono disponibili le nuove piattaforme di informazione del Gruppo ATB Bergamo. Il progetto, che ha interessato il portale online e la app di ATB, è consistito in interventi di reingegnerizzazione ed ammodernamento dei servizi digitali in uso, che hanno portato alla realizzazione di una nuova piattafo...