Il Covid, con la sua variante Omicron, è tornato a far paura. Il governo con il decreto-legge del 24 dicembre 2021, n. 221 – contenente la proroga dello stato di emergenza nazionale – ha imposto l’utilizzo delle mascherine Ffp2 in diversi luoghi al chiuso, compreso i mezzi del trasporto pubblico. Una norma, però, che non è stata recepita con facilità dalla popolazione: sotto questo aspetto, infatti, molti i casi di inosservanza in tutta la Penisola, da Nord a Sud. E, come denuncia Assoutenti, l’entrata in vigore delle nuove disposizioni sull’obbligo di mascherina Ffp2 è caos anche in Liguria sul fronte dei trasporti pubblici.

L’associazione chiede l’intervento dell’esercito per incrementare i controlli sul rispetto delle nuove disposizioni e sul green pass. «Migliaia di cittadini – sottolinea in una nota il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi – sono del tutto impreparati alle nuove disposizioni del governo che, come noto, ha introdotto l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2 su tutti i mezzi di trasporto, sia locali che a media e lunga percorrenza. Tantissimi i passeggeri che non erano a conoscenza della nuova misura o della data di entrata in vigore dell’obbligo e hanno utilizzato bus e treni sprovvisti di mascherina Ffp2».

«Considerato l’elevato numero di cittadini che, a partire da oggi, sono tornati a muoversi con i mezzi pubblici – aggiunge Truzzi – i controlli delle forze dell’ordine presso le stazioni e all’interno di bus sono del tutto insufficienti e sarà materialmente impossibile garantire in regione il rispetto delle nuove disposizioni varate dal governo».

Per questo motivo Assoutenti rivolge un appello al governo, al commissario straordinario Figliuolo e ai prefetti della Liguria affinché siano intensificati i controlli non solo sull’uso delle mascherine Ffp2 ma anche sul possesso del green pass per accedere a mezzi pubblici e treni, inviando i militari dell’esercito presso stazioni ferroviarie e fermate degli autobus, allo scopo di coadiuvare le forze dell’ordine nelle operazioni di controllo e verifica dei passeggeri e distribuire gratuitamente mascherine Ffp2 a tutti gli utenti che ne sono sprovvisti.

In primo piano

Articoli correlati

Tpl Fvg e Trieste Trasporti lanciano il servizio del bus a chiamata

Un “nuovo” e più veloce collegamento tra Trieste e le località più periferiche dell’altopiano del Carso, in particolare il versante Est. Già, perché Tpl Fvg e Trieste Trasporti sono in procinto di lanciare – da lunedì 23 maggio – il nuovo servizio sperimentale di trasporto a chiamata. Il bus a chiam...
Tpl

23 nuovi autobus ibridi Mercedes per Autoguidovie

Entreranno a breve in servizio, operando nell’area Monza-Brianza e Milano Sud-Est. Autoguidovie taglia le emissioni – stimando un risparmio di CO2 pari a 50t l’anno, che equivalgono alla capacità di assorbimento di 12000 alberi in ambito urbano – e presenta in piazza Roma a Monza i nuovi autobus del...

Tpl Sardegna, sette milioni di euro per pensiline e aree di fermata

La Giunta regionale della Sardegna, con una delibera approvata nelle ultime ore su proposta dall’assessore dei Trasporti, Giorgio Todde, ha stanziato 7 milioni di euro per la realizzazione e il potenziamento delle pensiline e delle aree di fermata degli autobus del servizio di tpl su gomma sul...
Tpl