“Il Senato, con il voto di fiducia alla Spending review,  ha finalmente dato al trasporto pubblico locale una norma da troppo tempo attesa e per la quale Anav molto si è spesa in questi anni”. Così Nicola Biscotti, presidente di Anav/Confindustria (l’associazione delle aziende di autotrasporto viaggiatori) sull’introduzione del criterio dei costi standard per la determinazione delle compensazioni dovute alle aziende che erogano questo servizio. “Una vera boccata di ossigeno per il settore. La norma consente infatti – ha affermato Biscotti – una determinazione realistica, al contrario di quanto fin qui avvenuto con i cosiddetti “costi storici”, dei corrispettivi da porre a base d’asta nelle procedure di gara per l’affidamento del trasporto pubblico locale”.
Biscotti, inoltre, si è detto fiducioso che il provvedimento verrà approvato senza ulteriori modifiche anche dall’altro ramo del Parlamento: “E’ un intervento che consente all’intero settore di guardare con maggiore speranza al risanamento e allo sviluppo, e che va nella giusta direzione di eliminare sprechi e razionalizzare le scarse risorse disponibili: implica, infatti, l’eliminazione dei servizi inutili e la penalizzazione delle gestioni inefficienti,  liberando risorse da reinvestire nella qualità e quantità dei servizi resi, con mezzi più nuovi e confortevoli, e permettendo di programmare l’offerta di trasporto collettivo secondo le reali esigenze dei cittadini, in particolare i pendolari e gli studenti”.
“In questi giorni abbiamo anche un altro motivo di soddisfazione – ha aggiunto Biscotti -: la Camera ha infatti approvato, in sede di conversione del decreto legge sullo sviluppo, il principio che vincola gli enti affidanti dei servizi di trasporto pubblico locale a tenere in considerazione l’ammortamento degli investimenti effettuati nel trasporto su gomma, quando si quantificano le compensazioni economiche da garantire alle aziende ed i corrispettivi da porre a base d’asta delle procedure di gara. Un altro tassello di grande rilevanza per il futuro del settore e che consentirà alle imprese di affrontare in maniera autonoma ed efficace il grave problema del rinnovo del parco rotabile”.

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl