“Il Senato, con il voto di fiducia alla Spending review,  ha finalmente dato al trasporto pubblico locale una norma da troppo tempo attesa e per la quale Anav molto si è spesa in questi anni”. Così Nicola Biscotti, presidente di Anav/Confindustria (l’associazione delle aziende di autotrasporto viaggiatori) sull’introduzione del criterio dei costi standard per la determinazione delle compensazioni dovute alle aziende che erogano questo servizio. “Una vera boccata di ossigeno per il settore. La norma consente infatti – ha affermato Biscotti – una determinazione realistica, al contrario di quanto fin qui avvenuto con i cosiddetti “costi storici”, dei corrispettivi da porre a base d’asta nelle procedure di gara per l’affidamento del trasporto pubblico locale”.
Biscotti, inoltre, si è detto fiducioso che il provvedimento verrà approvato senza ulteriori modifiche anche dall’altro ramo del Parlamento: “E’ un intervento che consente all’intero settore di guardare con maggiore speranza al risanamento e allo sviluppo, e che va nella giusta direzione di eliminare sprechi e razionalizzare le scarse risorse disponibili: implica, infatti, l’eliminazione dei servizi inutili e la penalizzazione delle gestioni inefficienti,  liberando risorse da reinvestire nella qualità e quantità dei servizi resi, con mezzi più nuovi e confortevoli, e permettendo di programmare l’offerta di trasporto collettivo secondo le reali esigenze dei cittadini, in particolare i pendolari e gli studenti”.
“In questi giorni abbiamo anche un altro motivo di soddisfazione – ha aggiunto Biscotti -: la Camera ha infatti approvato, in sede di conversione del decreto legge sullo sviluppo, il principio che vincola gli enti affidanti dei servizi di trasporto pubblico locale a tenere in considerazione l’ammortamento degli investimenti effettuati nel trasporto su gomma, quando si quantificano le compensazioni economiche da garantire alle aziende ed i corrispettivi da porre a base d’asta delle procedure di gara. Un altro tassello di grande rilevanza per il futuro del settore e che consentirà alle imprese di affrontare in maniera autonoma ed efficace il grave problema del rinnovo del parco rotabile”.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl