L’Agenzia Tpl di Brescia ha diffuso il report sull’andamento del servizio extraurbano in questi primi giorni di riapertura degli istituti scolastici.

Nella nota si evidenziano i risultati del monitoraggio, predisposto dall’Ufficio Tecnico, del servizio di tpl all’inizio di febbraio del 2021.

La realizzazione del documento è stata effettuata in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, Arriva Italia-SIA, Brescia Trasporti e le altre aziende di trasporto.

tpl brescia report

Tpl Brescia, i risultati del report

 Così si legge nella nota:

“Dopo il parziale riavvio, nella scorsa settimana, della didattica in presenza, questa settimana rileviamo che tutti gli Istituti di Istruzione Secondaria di II Grado hanno riaperto le scuole alla presenza di una parte degli studenti. Ciò è confermato anche da una crescita dell’utenza sugli autobus in orario scolastico.  Da una prima verifica sul servizio svolto, non sono in generale emerse criticità legate ad una eccessiva presenza di utenza rispetto ai posti disponibili. In alcuni casi sono state già individuate alcune situazioni potenzialmente critiche in proiezione futura e già dalle prossime ore verranno risolte”.

Le criticità

Nel comunicato, l’Agenzia mette in evidenza anche i (pochi) casi critici. Su alcune tratte, infatti, come quella  Sabbio Chiese – Salò o Iseo – Palazzolo, la presenza a bordo ha raggiunto la quota massima ammissibile. Per risolvere la situazione, sono state predisposte corse più frequenti e bus aggiuntivi.

Il servizio di trasporto extraurbano, in ogni caso, non è utilizzato esclusivamente da studenti. Un 20-30% dei passeggeri è rappresentato da utenti comuni. Con il passaggio della Lombardia a “zona gialla”, l’Agenzia ha previsto un aumento di queste percentuali, e dunque la possibilità di saltare alcune fermate se sarà raggiunta la massima capienza possibile.

L’Agenzia Tpl Brescia chiude il report sottolineando l’impegno nel proseguire l’opera di monitoraggio e nel predisporre eventuali ulteriori interventi di potenziamento del servizio. Il tpl di Brescia si configura sempre più sicuro, anche grazie agli interventi di sanificazione messi in atto sui mezzi.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl