Utili a quota 7,8 milioni, aumento di passeggeri e chilometri serviti, una flotta che man mano viene rinnovata e una famiglia di dipendenti che cresce. Last but not least (anzi!): l’azienda ha proposto la distribuzione dei dividendi (oltre 4,6 milioni di euro) ai soci. Tper ieri ha presentato il bilancio 2016 alla stampa, sollevando il velo su numeri che la fotografano come una realtà in salute e sviluppo.

La presentazione del bilancio 2016 Tper

L’utile netto di 7,8 milioni ha superato le stime previsionali, come fatto presente durante la conferenzas tampa a cui hanno preso parte la Presidente e Amministratore Delegato Giuseppina Gualtieri insieme al Direttore Paolo Paolillo e al Direttore Amministrazione e Finanza Fabio Teti. Rappresenta il frutto, si legge nella nota diramata dagli uffici di Tper, di un percorso consolidamento economico, intrapreso in questi anni dal board e dal management di Tper. L’azienda registra un utile lordo di 15,4 milioni di Euro, a cui vanno sottratti 7,6 milioni di Euro di imposte. Il Margine Operativo Lordo ammonta a 31,6 Milioni di Euro. Le sette società controllate, attive nel settore di attività del trasporto pubblico locale, nel trasporto ferroviario di merci e nella manutenzione di rotabili ferroviari, sono anch’esse incluse nell’area di consolidamento.

Più passeggeri per più chilometri

L’utenza è in crescita dal 2013: nell’ultimo anno i passeggeri trasportati – oltre 150 milioni in totale – sono aumentati dell’1,66% (+1,59% nei servizi su gomma e +3,49% nei servizi ferroviari), percentuale che va a sommarsi al +11,09% conseguito nei tre anni precedenti. Parallelamente, si legge sempre nel comunicato Tper, gli incrementi delle vendite di titoli di viaggio confermano il gradimento e la fidelizzazione degli utenti; nel 2016 i ricavi tariffari sono aumentati ulteriormente del 3,9%, nonostante una robusta crescita conseguita nel recente passato (+22,2% nel periodo 2012-2015) avrebbe potuto far prevedere un rallentamento. In aumento anche gli abbonamenti annuali, che superano le 81.000 unità, così come quelli mensili venduti nel 2016: oltre 623.000. Anche la produzione dei servizi – sono circa 50 milioni i chilometri percorsi da bus e treni Tper ogni anno – segna un incremento rispetto all’anno precedente (+0,7% i km effettuati su gomma e +1,73% in ambito ferroviario).

Gli investimenti sono una priorità

Tper continuerà ad abbracciare la strada degli investimenti: il piano triennale 2016-2018 prevede, infatti, investimenti lordi pari a 294 milioni di euro, di cui 132 in autofinanziamento dell’azienda. Del resto, l’ultimo anno ha visto numerosi episodi di rinnovo della flotta. Il più recente? I 49 nuovi filobus Crealis e i 68 bus compresi nella maxi-gara regionale bandita da Tper nel 2016 come capofila di tutte le aziende emiliano-romagnole. «Il bilancio approvato dal Consiglio di Amministrazione è frutto di tanto lavoro e conferma Tper quale azienda solida, impegnata a svolgere al meglio servizi di mobilità fondamentali per i territori in cui opera – le parole di Gualtieri -; i risultati economici in costante crescita ci consentono di sostenere investimenti rilevanti e soprattutto fondamentali per la qualità del trasporto pubblico».

La distribuzione dei dividendi Tper

 

Grazie al consolidamento economico-finanziario, l’azienda ha deciso di proporre agli Enti azionisti la distribuzione di dividendi per oltre 4,6 milioni di euro, pari al 60% dell’utile netto d’esercizio 2016. «E’ un motivo di soddisfazione ulteriore – ha aggiunto Gualtieri – poter dimostrare con i fatti che anche le società pubbliche che operano a livello territoriale possono avere la capacità di fare impresa a tutto campo, gestire l’azienda con priorità ai servizi svolti, attenzione al lavoro e obiettivi sfidanti di qualità, innovazione ed efficienza. I dati di bilancio, a cui affiancheremo anche le evidenze del bilancio di sostenibilità, ne sono la sintesi misurabile. La soddisfazione non significa appagamento; c’è sempre molto lavoro da fare, problemi quotidiani da risolvere in un ambito tanto importante per la vita quotidiana dei cittadini e per la sempre maggiore complessità del settore della mobilità».

Crescono i dipendenti

Nel 2016 Tper ha assunto 97 dipendenti: 91 a tempo indeterminato, 1 a tempo determinato e 5 con contratto di apprendistato. I lavoratori Tper sono attualmente 2.500. Anche la formazione gioca la sua parte: nel corso dell’anno è stata svolta attività di formazione per oltre 37.000 ore complessive (di cui circa 5.700 riguardanti i programmi formativi sulla sicurezza) con un aumento del 63% rispetto all’anno precedente e che ha visto il coinvolgimento di 876 dipendenti.

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl