TEP Parma, nella mattinata di martedì 18 giugno, ha presentato 14 nuovi autobus elettrici e il nuovo impianto di ricarica presso il deposito di via Taro, segnando un significativo passo avanti verso una mobilità pubblica a impatto zero.

vCon l’acquisto dei nuovi bus elettrici, l’età media della flotta urbano TEP scende a 7,8 anni, confermando il parco autobus di Parma come uno dei più giovani in Italia. L’investimento complessivo di 8,55 milioni di euro, che beneficia anche di fondi Pnrr, dimostra l’impegno di TEP nella promozione della mobilità sostenibile e nel miglioramento dei servizi offerti alla comunità parmense. La cifra stanziata è parte di un investimento complessivo per il periodo 2018-2024 pari a 65 milioni di euro complessivi che l’azienda ha impegnato per rinnovare la flotta. Con i nuovi bus elettrici e l’impianto di ricarica, l’azienda si pone all’avanguardia nella transizione ecologica del trasporto pubblico.

Gli e-bus Solaris per TEP Parma

I nuovi bus elettrici, modello Urbino prodotti da Solaris, rappresentano una nuova era per la mobilità sostenibile in città. Si tratta di mezzi alimentati a batteria, al 100% elettrici, e che non necessitano di alcun motore ausiliario. Offrono un’autonomia di oltre 250 km e possono trasportare fino a 80 passeggeri, garantendo accessibilità e comfort. Sono dotati di due postazioni per passeggeri con disabilità motorie carrozzine per bambini, oltre che di pedana manuale per la salita e la discesa. Questi veicoli fanno parte del piano di elettrificazione della flotta urbana annunciato nel 2022, che mira a rendere la mobilità cittadina a zero emissioni dirette. I nuovi bus saranno operativi sulle linee 2 e 8, affiancando le linee 1, 3, 4 e 5 già servite da filobus elettrici. Contribuiranno in modo sensibile al raggiungimento dell’obiettivo di neutralità carbonica che Parma si è data per il 2030.

I nuovi Urbino sono i primi bus elettrici puri a batteria che l’azienda mette in servizio a Parma, fatta eccezione per alcune sperimentazioni condotte su alcune tratte e per periodi limitati. TEP, tuttavia, ha una lunga esperienza alle spalle nella gestione di mezzi elettrici. Nel 1953 Parma ha inaugurato la rete filoviaria che ancora oggi rappresenta un tassello fondamentale della mobilità green cittadina. Da allora l’esercizio urbano con filobus si è espanso progressivamente fino ad arrivare all’assetto attuale. Oggi TEP possiede la quinta flotta filoviaria in Italia per ampiezza, alle spalle delle aziende di quattro città capoluogo di regione (Milano, Napoli, Bologna e Roma).

Solaris Urbino TEP Parma

L’infrastruttura di ricarica Siemens per TEP Parma

Contestualmente all’introduzione dei nuovi bus, TEP ha presentato il nuovo impianto di ricarica con 24 postazioni, realizzato da Baiocchi Tecnologie di Langhirano, con colonnine elettriche fornite da Siemens. L’apparato permetterà di rifornire le batterie durante l’orario notturno. Grazie alle tecnologie di nuova generazione utilizzate, l’operazione di ricarica per ogni bus richiede solo 3 ore. Per garantire l’efficienza delle operazioni TEP ha aumentato la potenza disponibile nel deposito di via Taro.

TEP Parma ricarica Siemens

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati