Nell’ottica di elettrificare interamente la propria flotta di autobus, Milano e Atm hanno bussato la porta ad ABB, che in qualità di fornitore leader mondiale di tecnologie per la mobilità elettrica, ABB ha collaborato con l’azienda Azienda Trasporti Milanesi per fornire una soluzione chiavi in mano per il deposito di San Donato. Questo è il primo di quattro depositi completamente elettrici previsti per la città e un sito pilota per nuove soluzioni innovative di ricarica.

Progettata pensando alla sostenibilità e alla longevità, l’installazione a San Donato aiuterà Atm a soddisfare la sua previsione di ridurre la domanda di diesel di 30 milioni di litri all’anno e di tagliare le emissioni di CO2 di 75.000 tonnellate all’anno entro il fatidico 2030.

ABB per la mobilità elettrica meneghina

I caricabatterie Terra 124 di ABB sono stati installati nell’area di parcheggio del deposito; un caricatore può caricare velocemente due veicoli allo stesso tempo, ottimizzando il costo dell’installazione e minimizzando l’impatto. Gli e-bus sono programmati per essere ricaricati durante la notte, quando è più conveniente, e con un’autonomia fino a 180 km in condizioni normali. Ciò è sufficiente per gli e-bus per rimanere in uso tutto il giorno senza la necessità di una ricarica intermedia. 

Il progetto di fornire ad Atm l’infrastruttura di ricarica per il deposito pilota è stato completato in soli tre mesi. Questo includeva la progettazione e l’installazione dell’infrastruttura elettrica (con interruttori a bassa e media tensione) e il collegamento del sistema di ricarica alla sottostazione Atm.

Poiché il sito di ricarica pilota è incentrato sull’utilizzo delle soluzioni più innovative ed efficienti dal punto di vista energetico, il pacchetto di ABB comprendeva anche l’installazione di una soluzione di stoccaggio dell’energia (ESS) da 324 kWh. La ESS permette ad Atm di gestire il proprio consumo di rete e consente anche di capire i casi d’uso di una ESS, quando accoppiata con l’infrastruttura di ricarica, per simulare potenziali casi d’uso di seconda vita per i pacchi batteria degli autobus quando saranno disponibili in futuro.

Per completare l’installazione è stato commissionato un controller ABB EV Site Solution (EVSS). Esso ottimizza il processo di ricarica ESS minimizzando la domanda di energia e riduce i costi operativi controllando in tempo reale il consumo totale di picco.

Il commento di ABB

Commentando il progetto, Frank Muehlon, presidente della divisione E-mobility di ABB ha detto: «Dal momento che gli operatori di trasporto affrontano le sfide energetiche per la completa elettrificazione delle loro flotte, hanno bisogno di soluzioni olistiche che possano abilitare nuove capacità di gestione dell’energia e potenziali casi d’uso futuri di seconda vita per i loro pacchi batterie per autobus elettrici. Questo è esattamente ciò che siamo stati in grado di fornire ai leader del settore ATM». Frank Muehlon ha chiosato: «ABB ha fornito una soluzione completa, end-to-end per l’infrastruttura di ricarica di Atm che consente l’Industria 4.0 con piena connettività e cloud computing, oltre a creare un modello impressionante per il futuro rollout di soluzioni simili per altri operatori di transito che cercano di implementare operazioni più sostenibili».

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Consip, da gennaio ordinati circa 1.000 autobus

Consip. È in piena attuazione il piano del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) per l’ammodernamento e la transizione ecologica del parco autobus destinato al Trasporto Pubblico Locale (TPL). Grazie al proficuo rapporto di collaborazione instaurato con Consip per offrir...