Solaris Bus & Coach, un tris di novità per il futuro a medio termine. Un filobus a tre casse lungo 24 metri, una versione alleggerita dell’Urbino 12 diesel e, last but not least, la declinazione a idrogeno del medesimo urbano. Sono le novità di prodotto annunciate dall’azienda.

solaris

Solaris Urbino 12 Lite, ecco il downsizing

Il Solaris Urbino 12 low entry si appresta a venire realizzato anche in versione leggera, che risponderà al nome di Solaris Urbino Le Lite. A ridurre il peso complessivo del mezzo è la struttura rivista e la tipologia degli assali. Anche l’aerodinamica sarà oggetto di un restyling che porterà giovamenti. Il peso a vuoto risulterà ridotto a 9 tonnellate. Verranno usati pneumatici più piccoli: 265/R19,5. Il progetto dell’Urbino 12 Lite prevede anche un sostanzioso downsizing: in sala macchine lavorerà il 4,5 litri Cummins Isb4.5e6. Nella versione tradizionale il moto è sprigionato dal 6,7 litri.

Il futuro? L’autobus a idrogeno

Il progetto più ambizioso, in ogni caso, è certamente l’urbano a idrogeno, inizialmente solo nella taglia dodecametrica. Il sistema fuel cell consentirà di abbattere le dimensioni (e soprattutto il peso) delle batterie: saranno sufficienti 29,2 kWh di batterie Solaris high power, coadiuvate da un riempimento del serbatoio di fuel cell, ben 350 chilometri di autonomia, con potenza massima di 60 kW. Un range praticamente raddoppiato rispetto agli attuali autobus elettrici a batteria. L’ostacolo, per ora, è il costo. Ma è un dato di fatto che la tecnologia dell’idrogeno ha importanti chance di portare a maturazione il concept dell’autobus elettrico.

Solaris Trollino a tre casse

Il progetto del filobus a tre casse è già stato annunciato qualche mese fa, e andrà a inserirsi in un segmento che mostra una domanda in ascesa. Il Trollino da 24 metri sarà equipaggiato con due motori elettrici integrati nei due assali motore. Naturalmente, il veicolo è progettato per operare anche nei tratti scoperti da infrastruttura: la batteria da 58 kWh (94 A) si ricarica nei punti in cui il veicolo è agganciato al bifilare. Il 24 metri di Solaris sarà inoltre dotato di una pompa elettrica del servosterzo e il quarto asse sarà sterzante, in modo da facilitare ancora di più la guida nelle aree urbane. Massima attenzione quindi al comfort di passeggeri e conducente. La cabina di guida avrà un sedile riscaldato, climatizzazione, e due schermi da 8 pollici, collegati a telecamere, che visualizzano i trolley, la terza cassa del bus, gli interni e le porte, che saranno 5 in totale, e la retromarcia del mezzo.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...