maxresdefault

Il nuovo Solaris Urbino è stato presentato ufficialmente a settembre 2014 e in soli pochi mesi ha già raggiunto un notevole successo in Europa. Il nuovo Urbino, in mostra per il grande pubblico all’UITP di Milano fino al 10 giungo, è disponibile attualmente in due versioni, una standard da 12 e una articolata da 18 metri, ma il costruttore polacco ha fatto sapere che entro la fine del 2016 arriveranno sul mercato versioni a batteria e ad entrata ribassata di quello che è considerato il prodotto di punta aziendale.

Il bus è entrato in produzione dalla prima metà di quest’anno e dagli stabilimenti di Solaris nei prossimi mesi usciranno circa 25 esemplari, destinati al mercato tedesco, italiano e a quello locale. In Germania l’Urbino con il nuovo design è stato apprezzato sia da Josef Ettenhuber GmbH, operatore privato della Baviera che utilizzerà il mezzo per il servizio di trasporto pubblico nelle zone rurali, sia da Martin Geldhauser GmbH che ha ordinato all’azienda polacca quattro nuovi Urbino 12. Il modello da 12 metri è stato ordinato anche da Kessels-Reisen GmbH, Wies Faszinatour e H. Sandrock GmbH, operatori privati tedeschi. Sempre in Germania il nuovo Urbino ha registrato il più grande ordine finora, da parte dell’operatore Bogestra che svolge servizio nell’area della Ruhr, composto da ben quattordici Urbino 18. Per quanto riguarda il mercato italiano, il primo Solaris Urbino 12 acquistato nel Belpaese andrà a SUN S.p.A., operatore novarese, mentre due Urbino da 18 metri si aggiungeranno alla flotta di ATM Genova. Nel mercato locale, infine, un Urbino 12 sarà consegnato a Wejherowo, due bus andranno a Grudziądz, mentre quattro bus complessivi, uno da 18 metri e tre da 12, saranno consegnati a breve a Płock.

Un ottimo successo per un modello fresco di redesign che, con una struttura leggera ma allo stesso tempo robusta è in grado di limitare i consumi di carburante e i costi operativi garantendo qualità estetiche significative, che gli hanno permesso di aggiudicarsi il premio iF Design Award 2015 lo scorso febbraio.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Téléo, nasce a Tolosa la più estesa cabinovia urbana d’Europa

Scavalca una collina, oltrepassa la tangenziale e il fiume Garonna, collega l’università Paul-Sabatier all’istituto di ricerca Oncopole, attraverso il centro ospedaliero di Rangueil, il tutto trasportando ottomila viaggiatori al giorno. A percorrere lo stesso tratto di tre chilometri, un...
Tpl

Veneto, ecco Garda Link: treno più bus da Verona al Lago

Un unico biglietto, acquistabile dal portale di Trenitalia, consente di arrivare in treno alla stazione di Verona Porta Nuova e salire su uno degli autobus dell’azienda veronese Atv che ogni trenta minuti effettuano i collegamenti giornalieri con tutte le località turistiche della sponda orien...