MZA Varsavia ha appena preso in consegna il 20.000esimo autobus prodotto da Solaris Bus & Coach. Questa consegna riguarda l’ultimo dei 130 autobus elettrici articolati forniti alla capitale della Polonia in seguito all’ordine siglato nell’estate 2019 (il primo autobus è stato consegnato a fine marzo).

Solaris ha annunciato ieri che il 20.000esimo autobus è appena uscito dai cancelli della fabbrica Solaris di Bolechowo, vicino a Poznań. Oggi l’azienda produce oltre 1500 autobus all’anno, di cui quasi la metà con drivetrain elettrico. Nei primi tre trimestri del 2020, Solaris è stata il maggiore produttore di autobus a batteria sul mercato europeo, con una quota di mercato del 23% (la ‘fotografia’ del mercato elettrico in Europa è su AUTOBUS di dicembre).

solaris bus 20.000

Il 20.000esimo autobus Solaris è un autobus a batteria

Solaris produce autobus innovativi ed ecologici dal 1996. Oggi, il 20.000esimo veicolo prodotto nella fabbrica Solaris è sceso sulle strade di Varsavia.

L’autobus che a partire da oggi trasporterà i residenti di Varsavia è l‘ultimo dei veicoli consegnati da Solaris nell’ambito di un ampio ordine di 130 autobus elettrici piazzati da Varsavia nel 2019. L’operatore MZA di Varsavia è sicuramente il più grande – e per inciso anche uno dei primi – clienti di Solaris, afferma il produttore di autobus. L’azienda ha acquistato finora oltre 1200 veicoli Solaris di varie generazioni, tra cui 150 autobus elettrici.

Il 20.000esimo autobus Solaris sulla linea 503 a Varsavia

L’autobus della ‘cifra tonda’ di Solaris – il 20.000esimo Urbino – è quindi un veicolo elettrico. Quell’autobus sarà schierato sulla linea 503, che è servita esclusivamente da veicoli a emissioni zero. Verniciato con la livrea rossa e gialla di MZA, l’autobus sarà di casa al deposito di Stalowa, dove le sue batterie si ricaricheranno durante la notte.

solaris bus 20.000

L’ultimo dei 130 autobus elettrici non segna però la fine dell’ambiziosa strategia di acquisto di MZA Varsavia. Secondo i piani dell’operatore, entro il 2027 la metà di tutti i 1.500 autobus con sede a Varsavia sarà a basse o nulle emissioni.

“Se date un’occhiata alla prima e all’ultima generazione di veicoli Solaris della gamma Urbino, noterete sicuramente gli enormi progressi compiuti nel trasporto pubblico. Non si tratta solo dell’avanzamento della tecnologia e del design dei veicoli, anche se anche questo settore ha subito una trasformazione impressionante. Per Solaris, tuttavia, il cambiamento più importante che è avvenuto nel settore negli ultimi due decenni è la transizione verso drivetrain pulite e, di conseguenza, verso la qualità della vita degli abitanti della città”, ha osservato Javier Calleja, CEO di Solaris.

Filobus a emissioni zero dal 2001 per Solaris

Il produttore ha individuato il trend verso la diffusione dei drivetrain elettrici molto prima del lancio del suo primo autobus elettrico. Dal 2001, Solaris produce filobus a emissioni zero. L’esperienza di Solaris, derivante dall’assemblaggio di oltre 1600 Trollino, attualmente in crociera in decine di città, eleva l’azienda ai vertici delle classifiche dei produttori europei di tali veicoli.

Il 2006 ha segnato l’ennesimo passo nel percorso di sviluppo dell’azienda, ricorda Solaris: l’anno del debutto dell’autobus ibrido Urbino ibrido. Una pietra miliare per l’azienda, il 2011 è stato l’anno in cui Solaris ha presentato il suo primo Urbino electric. Da quel momento in poi, l’azienda ha investito soprattutto nello sviluppo della tecnologia a zero emissioni.

solaris bus 20.000

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati