Solaris piazza otto autobus Urbino 18 a Norimberga e si prende a cuore le esigenze delle persone con difficoltà di deambulazione attraverso un corso ad hoc. Le due notizie, non collegate tra loro se non dalla vicinanza temporale con cui sono state diramate dagli uffici del costruttore polacco, mostrano come non solo l’azienda continui a risultare “appetibile” sui mercati europei, ma anche si concentri su aspetti dalle importanti ricadute sociali come la partecipazione ad un corso sulle difficoltà dei disabili nell’utilizzo dei mezzi pubblici.

Solaris Urbino 18 con Daf/Paccar, Zf e Voith

Cominciamo dalla commessa. Otto autobus articolati Solaris Urbino 18 sono stati consegnati a metà aprile all’operatore tedesco VAG Verkehrs-Aktiengesellschaft, che opera nella città di Norimberga con una flotta che ha raggiunto la soglia dei 178 autobus (20 i Solaris). Tutti gli esemplari sono equipaggiati con motore Daf/Paccar Mx-11 da 240 kW, naturalmente rispettoso dello standard Euro VI. Gli assali sono Zf, mentre al cambio figura la trasmissione Voith Diwa 6, dotata di programma Eco in grado di ridurre i consumi e aumentare l’efficienza. I Solaris Urbino 18 sono dotati di 37 sedili con altri otto ribaltabili. I passeggeri in piedi possono attestarsi tra 88 e 99.

Tra le dotazioni di sicurezza spicca un sistema Derovis di monitoraggio che comprende nove telecamere, un registratore e un monitor posizionato sopra la postazione del guidatore, che è così messo nelle condizioni di tenere sotto controllo le operazioni di salita e discesa dei passeggeri e di svolgere con più precisione le manovre di retromarcia.

Esigenze dei disabili in primo piano

Il corso sul tema degli ostacoli che i disabili si trovano a dovere affrontare durante l’utilizzo dei mezzi, a cui hanno partecipato operatori del reparto Ricerca e Sviluppo di Solaris, è stato tenuto dal fondatore dell’associazione “Jedna chwila” (tradotto: “One moment”) Krzysztof Stern, impegnata nel sostenere una migliore integrazione dei disabili. Si è tenuto nel quartier generale dell’azienda a Bolechowo-Osiedle.

La parte teorica si è focalizzata su una presentazione multimediale. Quindi si è tenuto un modulo pratico composto da workshop destinati ai dipendenti Solaris, durante i quali hanno potuto immedesimarsi in persone con difficoltà di deambulazione, per esempio disabili su sedia a rotelle, in modo da toccare con mano le difficoltà che possono sorgere nell’utilizzo dei mezzi pubblici.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl