È stata raggiunta un’ulteriore tappa nel percorso di decarbonizzazione intrapreso da Siemens, presso il suo quartier generale a Milano: si amplia l’impianto fotovoltaico e la disponibilità di colonnine per la ricarica elettrica, a testimonianza di come digitalizzazione e sostenibilità costituiscano un binomio inscindibile nel DNA dell’azienda.

Nell’ambito di questa visione, ha infatti recentemente riaperto le porte il parcheggio aziendale di via Ponte Nuovo, trasformato in un parco fotovoltaico, con una capacità di generazione totale di 456 MWh all’anno e in grado di ridurre l’emissione di 148 tonnellate di CO2

Potrebbe interessarti

Questo impianto si aggiunge ai due sistemi fotovoltaici esistenti sui tetti dei due edifici aziendali, che insieme producono 930 MWh all’anno, contribuendo significativamente, su una superficie totale di oltre 5500 mq, alla riduzione dell’impronta di carbonio della sede milanese.

Il parcheggio è stato inoltre equipaggiato con 60 nuove colonnine di ricarica VersiCharge, per un totale di 120 punti di ricarica per veicoli elettrici con una potenza di 11 kW ciascuno. Quando si tratta di raggiungere un futuro a emissioni zero, la flotta aziendale rappresenta un fattore chiave di successo ed è per questa ragione che Siemens ha scelto la flotta aziendale green, con l’obiettivo di arrivare entro il 2025 a car list completamente elettriche per tutti i collaboratori. In questo percorso, l’installazione delle colonnine nel nuovo parcheggio potenzia l’attuale disponibilità di stazioni di ricarica presso la sede milanese, per servire le auto aziendali e quelle degli ospiti. Oggi è infatti possibile contare su quasi 140 punti di ricarica in tutta Casa Siemens.

«Questo progetto rappresenta un passo importante nel raggiungimento dell’obiettivo globale di ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica delle nostre attività commerciali entro il 2030. Con il fotovoltaico miglioriamo la nostra autonomia energetica e i nostri servizi ai clienti e partner, mentre le nuove colonnine ci aiutano a rendere elettrica tutta la nostra flotta. Combinando innovazione tecnologica e responsabilità ambientale guidiamo il cambiamento verso un futuro più sostenibile», dice Floriano Masoero, Presidente e AD di Siemens Italia.

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggio dentro la fabbrica di batterie di Forsee Power di Poitiers, Francia

Il 2024 sarà l’anno dell’equilibrio a livello di Ebitda per Forsee Power, costruttore di moduli batteria ‘made in France’ che ha nel trasporto pubblico il suo core business (due terzi delle vendite sono ascrivibili al mondo autobus). A fine febbraio abbiamo avuto l’opportunità di visitare, in esclus...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...