Assunzioni di conducenti d’autobus, Seta rinnova l’organico con 24 nuove assunzioni. Altre dieci verranno formalizzate entro la fine di aprile. Terminate le prove teoriche e pratiche, per i nuovi conducenti di autobus in questi giorni è tempo di visite mediche e formazione diretta in azienda. Lo annuncia Seta in una nota stampa diramata nei giorni scorsi. Giunge insomma a concretizzazione la procedura di selezione avviata dall’azienda emiliana a fine 2017 e “raccolta” da ben 800 candidati.

seta assunti conducenti autobus

Seta sostituisce e aumenta le risorse

Sono 24 i nuovi autisti assunti da Seta secondo il vigente Contratto Nazionale di categoria nel mese di marzo, ed altri 10 lo saranno entro la fine del mese di aprile. L’organico dell’azienda emiliana di trasporto pubblico su gomma delle province di Modena, Reggio Emilia e Piacenza va quindi a rafforzarsi, consentendo non solo la gestione corretta e tempestiva del fisiologico turn over, ma anche un lieve incremento delle risorse disponibili. Dei 24 nuovi assunti 11 hanno preso servizio nel bacino reggiano, 6 in quello modenese e 7 in quello piacentino mentre per i prossimi 10 autisti la sede di lavoro non è ancora stata individuata.

230 conducenti d’autobus abilitati

Le nuove assunzioni sono rese possibili dal buon esito della selezione pubblica per autisti di autobus indetta da Seta a dicembre 2017 e conclusasi a febbraio 2018: la procedura ha abilitato oltre 230 aspiranti conducenti di mezzi pubblici, inserendoli in una graduatoria dalla quale l’azienda sta attingendo a seconda delle preferenze espresse in sede di candidatura e compatibilmente con le esigenze riscontrate nei bacini territoriali serviti. Terminate le prove teoriche e pratiche, per i nuovi dipendenti Seta in questi giorni è tempo di visite mediche e formazione diretta in azienda: dalla consegna dei documenti di servizio e della dotazione di lavoro (la divisa ufficiale ed il badge identificativo) all’informazione sull’organizzazione aziendale e sulle norme che regolano il servizio di trasporto pubblico; dalla conoscenza delle caratteristiche tecniche delle vetture del parco autobus aziendale e delle apparecchiature che vi sono installate alla formazione sulle modalità di vendita dei biglietti a bordo tramite il terminale informatico presente su tutti i mezzi; dalle tecniche di manutenzione ordinaria e di pronto intervento meccanico alle norme di sicurezza che regolano il servizio e l’accesso ai depositi aziendali.

Bulgarelli: miglioramento del servizio è nostra priorità

«Con queste nuove assunzioni Seta dimostra concretamente il proprio impegno per gestire correttamente il livello occupazionale, compatibilmente con le risorse disponibili e mantenendo sempre prioritaria l’attenzione per il miglioramento del servizio e delle condizioni di lavoro dei nostri dipendenti» sottolinea Vanni Bulgarelli, Presidente di Seta. «Siamo estremamente soddisfatti del buon esito della nostra selezione – prosegue Bulgarelli – alla quale si erano candidate oltre 800 persone – in gran parte giovani – che da tutta Italia hanno espresso la volontà di lavorare nella nostra azienda, dimostrando di possedere buone competenze tecniche che, unite ad un alto senso di responsabilità, sono fondamentali per esercitare al meglio l’importante compito che verrà loro affidato».

seta assunti conducenti autobus

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl

Dalla Lombardia 650 milioni di euro per il tpl regionale, 426 a Milano

Seicento cinquanta milioni di euro per il trasporto pubblico locale della Lombardia, di cui la fetta di maggioranza all’Agenzia Tpl di Milano (che comprende anche Monza-Brianza, Lodi e Pavia) È quanto prevede una delibera approvata, nella giornata del 20 febbraio, dalla giunta regionale su pro...
Tpl