autobus roma tpl

Roma, la giunta ha approvato l’avviso di “pre-informazione” che apre la strada alla procedura di gara per la gestione delle linee di tpl periferiche. Il documento prevede un aumento del servizio dai 30 ai 45 milioni di vetture-chilometro all’anno in più). Attualmente il servizio è in capo a Roma Tpl, che gestisce circa un quinto delle linee cittadine.

Più chilometri, più garanzie per i lavoratori

Il contratto attualmente in essere scadrà nel maggio 2018. Con una decina di mesi d’anticipo, insomma, prende il via l’iter che poterà alla nuova assegnazione del servizio di trasporto pubblico nelle aree non centrali della capitale. Questi gli aspetti chiave dell’avviso: è previsto l’aumento del servizio con 30-45 milioni di vetture-chilometro / anno in più, da ripartire in due lotti; è confermata la durata del contratto a otto anni, così come l’inclusione della “clausola sociale” per la tutela del lavoro. Il documento prevede una serie di attività volte al miglioramento dell’offerta messa a disposizione della cittadinanza. Tra i vari elementi vengono riportate l’installazione di nuove pensiline, il controllo biglietti da parte del conducente, la vendita dei biglietti a bordo dei mezzi, il controllo e la sorveglianza delle corsie protette e riservate.

Un cambio di passo

L’obiettivo, come non manca di segnalare l’assessorato competente, è quello di segnare una discontinuità rispetto al passato. «Rispetto alla precedente gara vogliamo definire un capitolato che sia più rigoroso e maggiormente strutturato per garantire servizi aggiuntivi ai cittadini», spiega l’assessora Linda Meleo. «Il nostro obiettivo, inoltre, è la tutela del lavoro, come dimostra l’inserimento della clausola sociale». Del resto, tra la giunta Raggi e Roma Tpl non è mai corso buon sangue: nel novembre scorso Meleo aveva annunciato l’intenzione di valutare la possibilità di rescindere anticipatamente il contratto con l’azienda. Il motivo? «I chilometri percorsi irregolarmente sono pari al 25 per cento», aveva affermato l’assessore, «ed è per questo che abbiamo deciso di pagare solo il 75 per cento al consorzio».

In primo piano

Praticko, QuickBuy conquista (e soddisfa) anche Locatelli Autoservizi

Pratico come…Praticko. Si chiama così il software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato, ideato e sviluppato da Soluzione 1 srl. Nell’autunno del 2021, in piena seconda ondata pandemica, Praticko ha lanciato QuickBuy Stop, soluzione smart pe...

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl