Un Iveco Urbanway autonomo è stato al centro di una sperimentazione orchestrata da Ratp, finalizzata alla trasformazione dei depositi in luoghi in cui i mezzi si muovono da soli: il deposito intelligente. Quella andata in scena a Parigi grazie a un Iveco Urbanway ibrido da 12 metri è una prima mondiale, focalizzata su una novità tecnologica che promette grandi sviluppi nel futuro a medio termine.

iveco urbanway senza conducente ratp

L’autobus senza conducente per il deposito intelligente

Il test condotto dall’operatore parigino ha dimostrato che l’autobus è in grado muoversi autonomamente dall’ingresso del deposito Ratp in rue de Lagny fino al parcheggio al terzo piano del silos. Per l’occasione, l’Urbanway è stato equipaggiato con tutta l’attrezzatura necessaria alla marcia driverless, formata da videocamere e sensori radar che tengono sotto controllo lo spazio entro i 30 metri di fronte al mezzo. Una dotazione che consente al veicolo di analizzare l’ambiente circostante e muoversi in autonomia. La dimostrazione si è tradotta in un successo, con un unico piccolo neo, una frenata inaspettata e ingiustificata durante la discesa. Inconvenienti che possono capitare durante simili pionieristici test. La sicurezza è stata salvaguardata dalla marcia a velocità contenuta (l’autobus senza conducente non ha superato i 10 chilometri all’ora) e dall’emissione di segnale acustico continuo. Naturalmente, dietro al volante era presente il conducente, che tuttavia non ha mai avuto bisogno di intervenire.

Qui il video realizzato da Ratp:

Il deposito intelligente fa guadagnare spazio

Ratp ha già annunciato che quello condotto con l’Urbanway è il primo di una lunga serie di test. Marie-Claude Dupuis, direttrice di Ratp in ambito di strategia e innovazione, ha infatti informato la stampa che la sperimentazione non si chiuderà qui. La manovra svolta dall’autobus senza conducente consente di guadagnare il 5 per cento dello spazio di parcheggio, grazie all’estrema precisione dei dispositivi di guida autonoma. Infatti, non è più necessario lasciare lo spazio utile per la salita e discesa del conducente. La sperimentazione è stata svolta sotto la regia dell’European bus system of the future (Ebsf).

(foto di J.-F. Mauboussin – RATP)

In primo piano

Articoli correlati

Autolinee Toscane, Gianni Bechelli è il nuovo presidente

Autolinee Toscane ha un nuovo presidente, Gianni Bechelli. Il fiorentino, proveniente dal Gruppo Ratp Dev (di cui è consulente dal 2010 e dove continua a ricoprire la carica di consigliere di amministrazione) e con un passato da amministratore delegato in LFI-La Ferrovia Italiana, raccoglie il testi...

Due e-bus e otto colonnine elettriche: Ancona si tinge di verde

“Mobilità sostenibile”, due semplici parole entrate con forza, da anni, nelle agende di governo di tutto il mondo (o quasi). Sempre più Paesi e città stanno dedicando particolare attenzione – e importanti investimenti – su questo fronte. Uno dei primi pasi da compiere, non vi è dubbio, è quello di e...

L’elettrico di Iveco per la mobilità sostenibile di Pavia

La Settimana Europa della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre) ha portato una novità green in quel di Pavia. Autoguidovie, l’azienda che si occupa del trasporto pubblico locale della città lombarda, ha infatti presentato l’ambizioso progetto per elettrificare la propria flotta di autobus, con il f...