Si è concluso il 25 maggio il progetto Bimbi&Bus per i bambini della classe IV della Scuola Primaria “Gadana” di Urbino. Il progetto, che era stato sospeso a causa dell’emergenza Covid-19, prevedeva l’avvicinamento dei bambini al mondo della mobilità grazie agli autobus.

Bambini in autobus per l’educazione civica

Nel progetto Bimbi&Bus, i piccoli studenti hanno dapprima seguito lezioni teoriche su tematiche importanti come il rispetto per l’ambiente, il senso civico, il rispetto del bene pubblico, la tutela della salute della collettività e del singolo. In seguito, i bambini hanno avuto modo di utilizzare un autobus, ed hanno fatto una sosta a Park Santa Lucia, fermata principale del Trasporto Pubblico ad Urbino.

Grazie a questa esperienza sul campo, hanno potuto capire cosa si intende per stalli di fermata, tempi di attesa, e tutta la nuova tecnologia messa a disposizione della clientela per un viaggio più confortevole. Al termine, i bambini hanno fatto visita agli uffici Direzionali di Adriabus, dove sono stati ricevuti dal Presidente Luciano Balducci e dal DG Massimo Benedetti che hanno risposto a tutte le curiosità e le domande dei piccoli passeggeri.

Ad ogni alunno infine è stato consegnato un attestato “Viaggiatore Modello”.

Un progetto formativo

Un ringraziamento particolare – spiega Balducci – per la realizzazione e conclusione di questo progetto va alle Insegnanti della Scuola Primaria di Gadana e della Dirigente Scolastica Prof.ssa Carla Campogiani, che sono state ben liete di riprendere e concludere il progetto nonostante le difficoltà legate alla pandemia. “Bimbi&Bus” è un progetto unico nella Regione Marche. Curato dalla Dott.ssa Giovanna Pugliese, Responsabile della Comunicazione, si inserisce tra le attività che Adriabus dedica alla sensibilizzazione e all’importanza della mobilità dolce e ai suoi vantaggi per il singolo e per la collettività. Il progetto punta a far comprendere anche l’organizzazione che sta dietro alla messa in esercizio di un servizio di trasporto pubblico.

I bambini, infatti, proprio con questo progetto hanno avuto la possibilità di sperimentare l’uso dell’autobus in maniera divertente e sicura. Il progetto si pone tra gli obiettivi quello di far conoscere i molteplici vantaggi dell’utilizzo dei trasporti pubblici (sicurezza, risparmio, ecologia, socialità, salute e attività motoria) oltre che educare al rispetto del bene pubblico (viaggiare in regola pagando/obliterando il biglietto, mi comporto in modo corretto, ecc.). La speranza, ora, grazie alla ripartenza, è quella di poter riproporre il progetto anche in altre scuole della Regione.

In primo piano

Articoli correlati

Autolinee Toscane, Gianni Bechelli è il nuovo presidente

Autolinee Toscane ha un nuovo presidente, Gianni Bechelli. Il fiorentino, proveniente dal Gruppo Ratp Dev (di cui è consulente dal 2010 e dove continua a ricoprire la carica di consigliere di amministrazione) e con un passato da amministratore delegato in LFI-La Ferrovia Italiana, raccoglie il testi...

Due e-bus e otto colonnine elettriche: Ancona si tinge di verde

“Mobilità sostenibile”, due semplici parole entrate con forza, da anni, nelle agende di governo di tutto il mondo (o quasi). Sempre più Paesi e città stanno dedicando particolare attenzione – e importanti investimenti – su questo fronte. Uno dei primi pasi da compiere, non vi è dubbio, è quello di e...

L’elettrico di Iveco per la mobilità sostenibile di Pavia

La Settimana Europa della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre) ha portato una novità green in quel di Pavia. Autoguidovie, l’azienda che si occupa del trasporto pubblico locale della città lombarda, ha infatti presentato l’ambizioso progetto per elettrificare la propria flotta di autobus, con il f...