Trattative in stallo. Le nomine dei nuovi vertici delle Ferrovie, insieme alla Rai, sono tra i principali nodi del contendere tra le due componenti del governo, in una cornice fatta di tensioni sempre più forti. E si fa largo, per la poltrona che è stata di Mazzoncini (il cda è stato azzerato due giorni fa), il nome di Marco Piuri. Il quale avrebbe rassegnato le proprie dimissioni da Arriva (gruppo DB) dove, dal luglio 2014, ricopriva il ruolo di responsabile aree Sud, Centro ed Est Europa.
ferrovie dello stato fs - Nuovi vertici delle Ferrovie

Per le Ferrovie esclusi Bonomi e Donnarumma

Secondo fonti della Lega, si legge sul Sole 24 ore, non sarebbe più tra i papabili l’ex Sea Giuseppe Bonomi. E il M5S esclude, da parte sua, anche l’ipotesi Stefano Donnarumma. Tra i nomi spunta quello di Marco Piuri, dato per vicino a Trenord. Ma anche quello di Orazio Iacono, amministratore delegato di Trenitalia. L’unico punto su cui Lega e pentastellati concordano e lo stop alla fusione Anas – Ferrovie. L’assemblea dei soci richiesta da Toninelli e Tria si terrà martedì prossimo. Occorre fare in fretta, con la Lega che ci tiene a tenere la scelta per sé per “pareggiare” la nomina di Fabrizio Palermo alla guida di Cdp, figlia di una scelta M5S. I due nomi sopra citati non sono gli unici in lizza, a giudicare da quanto si legge sulla carta stampata. Secondo l’Huffington post, anche Massimo Sarni, ex amministratore delegato di Poste, figura tra le opzioni, così come Maurizio Gentile, che attualmente guida Rfi (sul quale però pende l’indagine per il deragliamento del regionale a Pioltello). Sempre l’Huffington post cita il nome di Alfredo Altavilla, ex responsabile delle attività europee di Fca e fresco di abbandono dal gruppo.

 

Piuri tra Trenord e Ferrovie

Come dicevamo, tra i nomi papabili c’è quello di Piuri, da molti dato in avvicinamento a Trenord. FNM, che è l’azionista a cui spetta la nomina dell’amministratore delegato di Trenord, ha attivato, infatti, tempo fa una selezione dei manager in grado di gestire Trenord. Recentemente è emerso anche quello di Piuri, manager nato a Saronno, laureato in Economia e Commercio alla Cattolica, ex membro del cda della Fondazione per la Sussidiarietà. Piuri conosce bene la società Trenord poiché vi ha operato a partire dal 1994, ai tempi di Ferrovie Nord Milano Spa, per arrivare a ricoprire il ruolo di dg di Ferrovie Nord Spa. Nel 2006 è stato poi nominato ad di LeNORD, che ha lasciato due anni dopo per diventare ad di Arriva Italia.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Un po’ funivia, un po’ bus: viaggio alla scoperta di ConnX

Ha superato con successo l’articolata fase di test e tra un anno sarà definitivamente pronto per fare il suo ingresso nel mercato. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi a Vancouver sul palcoscenico più importante del settore, il congresso mondiale dei trasporti a fune: ConnX, la rivoluzione ecol...