image-2

La partnership tra Byd e Alexander Dennis (ADL) ha dato i suoi primi frutti. Sulle strade di Londra è infatti sbarcata la più grande flotta elettrica d’Europa, composta da 51 autobus da 12 metri prodotti a quattro mani dal costruttore cinese e da quello inglese e che saranno utilizzati dall’operatore Go-Ahead sulle linee 507 e 521. L’ordine per i nuovi bus è stato formalizzato dopo aver provato per tre anni un Enviro200EV per le strade della capitale inglese, con risultati sorprendenti. Affidabilità e durata delle batterie (16 ore di autonomia con una singola ricarica) hanno infatti convinto l’operatore all’acquisto, a cui ha aggiunto 43 stazioni di ricarica installate nel deposito di Waterloo e altre cinque in quello di Mandela Way. Ogni anno le due linee trasportano circa 7 milioni di passeggeri e il passaggio all’elettrico contribuirà all’eliminazione di 700 tonnellate di CO2, oltre ai benefici derivanti dal non utilizzo di carburante diesel, particolato e particelle di NOx risparmiate comprese. I nuovi bus elettrici possono trasportare fino a 90 passeggeri ciascuno, 21 dei quali seduti, e garantiscono massimo comfort a bordo grazie alle comode sedute, all’illuminazione non invasiva e agli ingressi USB.

image-1

In primo piano

Articoli correlati

Gianpiero Strisciuglio, AD di RFI, è il nuovo Presidente di Agens

Cambio ai vertici di Agens: Gianpiero Strisciuglio, già AD e DG di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS, è il nuovo Presidente dell’associazione del trasporto pubblico di Confindustria alla quale aderiscono, oltre al Gruppo Ferrovie dello Stato, le principali aziende del...
Tpl

Autonomia differenziata, Biscotti (ANAV): “Preservare il FNT”

“Nell’attuale assetto istituzionale lo Stato mantiene primarie funzioni nella materia del trasporto pubblico locale e regionale che occorre preservare anche in un eventuale sistema di maggiore autonomia decisionale per le Regioni”. Nicola Biscotti, Presidente ANAV, l’Associazione del trasporto pubbl...
Tpl