Kempower ha inaugurato ufficialmente la sua sede nordamericana a Durham, nella Carolina del Nord, in occasione un evento internazionale alla presenza di Roy Cooper, governatore di lungo corso della Carolina del Nord e del Ceo Tomi Ristimäki.

L’impianto è operativo dalla fine dell’anno scorso e vi lavorano già circa 100 persone, ma Kempower ha voluto dimostrare che il suo sito produttivo nordamericano è ormai pronto per entrare a pieno regime. Lo scorso maggio, l’azienda finlandese ha partecipato all’ACT Expo, esponendo il suo nuovissimo sistema di ricarica da un megawatt. Un vero e proprio game changer – dicono – per elettrificare il trasporto a lungo raggio.

Potrebbe interessarti

Kempower inaugura a Bologna il suo primo deposito italiano per e-bus

La prima volta in Italia di Kempower, che ha inaugurato a Bologna, in via Ferrarese, il suo primo deposito italiano per autobus elettrici. La rimessa per Tper, dotata delle soluzioni di ricarica di Kempower, conta fino a 20 punti di ricarica contemporanei. Peraltro, si tratta di uno dei depositi di …

La nostra rivista Sustainable Truck & Van (parte della scuderia editoriale di Vado e Torno Edizioni) è stata invitata a partecipare all’anteprima per i media e a visitare lo stabilimento. Vi invitiamo a leggere l’articolo per un ampio reportage. Di seguito, un breve estratto.

Inaugurata la sede nordamericana di Kempower

Quello di Durham è il secondo stabilimento produttivo di Kempower, dopo il primo aperto a Lathi, in Finlandia, nel 2021. Da allora, l’azienda è cresciuta anno dopo anno, fino ad arrivare a 800 persone impiegate a livello globale. Nel 2023, Kempower è riuscita a produrre oltre 20.000 stazioni di ricarica, con consegne in diversi Paesi del mondo.

Finora Kempower ha reso possibili circa 7,5 milioni di sessioni di ricarica e poco meno di 200 GWh di energia caricata solo nel 2023. La strategia dell’azienda si concentra sui caricabatterie a corrente continua, rivolgendosi poi a veicoli più grandi delle autovetture. Autobus e camion, soprattutto, ma anche barche e navi, nonché macchine edili.

Attualmente la produzione a Durham è organizzata su un solo turno, con l’obiettivo di prepararsi a una maggiore velocità di produzione quando la domanda in Nord America crescerà. «Abbiamo l’obiettivo di produrre 100.000 stazioni di ricarica a livello globale entro il 2027: l’America del Nord darà un grande contributo nei prossimi anni» ha dichiarato l’amministratore delegato Tomi Ristimäki.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Un Grifone in volo da cinquant’anni: Scania Italia, auguri!

Altri cinquanta di questi giorni: Scania Italia spegne cinquanta candeline. L’immatricolazione dei veicoli industriali del marchio Scania in Italia inizia nel 1974. Da allora, tecnologie, strutture e persone hanno contribuito ad affermare il Grifone, riconosciuto come simbolo di soluzioni all’avangu...

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...