i2e Bayona

Per il secondo anno consecutivo Irizar ha chiuso il bilancio con una crescita nel mercato locale: nel corso del 2015 il costruttore spagnolo ha registrato una crescita del 30% rispetto al 2014, anno in cui si registrò per la prima volta l’inversione di tendenza nel mercato d’origine. Mentre in Brasile e in Messico le vendite di autobus sono calate, in Spagna Irizar ha mantenuto una quota di mercato del 40%. Il 2015 si è chiuso con un avanzo di 550 milioni di euro nel fatturato, frutto della crescita nel mercato locale a cui Irizar ha risposto con oltre 140 nuove assunzioni nel corso degli ultimi due anni. Il mercato locale pesa per il 45% sul fatturato, il 34% è frutto delle attività all’estero, mentre il restante 20% è dovuto alle altre attività del gruppo. Per l’anno in corso l’azienda spagnola si aspetta una crescita sia in Spagna che in Messico, dove il lancio dell’i8 ha permesso di mantenere alto il fatturato della divisione messicana. Nel futuro dell’azienda ci sarà anche una spinta all’elettromobilità con un nuovo stabilimento produttivo a Gipuzkoa e con continui miglioramenti al primo autobus 100% elettrico già in circolazione per le strade di molte città europee.

In primo piano

Energy Mobility Solutions, la bussola di Iveco Bus per guidare i clienti verso la transizione energetica. L’intervista a Federica Balza, Sales Infrastructure Engineer

Si chiama Energy Mobility Solutions ed è il modello di business per la mobilità elettrica messo a punto da Iveco Bus per supportare gli operatori nella transizione energetica, offrendo una soluzione chiavi in mano su misura, dalla progettazione dei veicoli e delle relative installazioni alla loro re...

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News