ASSTRA: prevenzione incendi autobus, fondamentale l’analisi degli incendi avvenuti in vista della progettazione e della manutenzione degli autobus. Essenziale la collaborazione tra costruttori e imprese di TPL per ridurre al minimo il rischio incendi sugli autobus E’ quanto emerge dallo studio realizzato da ASSTRA, l’associazione nazionale delle imprese che gestiscono i trasporti pubblici locali in Italia, in tema di prevenzione degli incendi all’interno dei mezzi pubblici su gomma, presentato oggi a Roma nel corso della giornata di studio “La prevenzione degli incendi nel trasporto pubblico: dalla progettazione all’esercizio”.

incendi autobus

Incendi autobus, la ricerca di Asstra

Lo studio è la versione aggiornata della Monografia “Il rischio incendi nel trasporto pubblico su gomma”. l’Associazione ha iniziato nel 2014 a monitorare gli incendi che si sono verificati a bordo mezzo proseguendo negli anni il rilevamento, in modo da avere una fotografia dinamica di questo fenomeno con una finestra temporale molto ampia – circa 15 anni.

L’ultima versione della ricerca (con dati del triennio 2015-2017) ha riguardato circa 14.500 autobus, su un parco globale italiano di 40.000 unità. Sono stati rilevati presso le Aziende Associate che hanno preso parte all’indagine, i dati generali, la particolarizzazione degli incendi e la manutenzione dei dispositivi antincendio; in sede di approfondimento, sono stati analizzati in dettaglio le azioni correttive adottate dalle Aziende e suggerite dalle case costruttrici, in relazione a specifiche criticità.

Incendi autobus, i dati ufficiali

A dimostrazione della grande attenzione che questo argomento merita, dall’indagine è risultato che il numero di incendi del 2015, pari a 97, si è mantenuto costante al 2017 con 96 eventi, con una lieve flessione nel 2016. Di questi, dai 34 casi del 2015, i 21 nel 2016 ai 34 del 2017, sono stati interessati da episodi di gravità 3 e gravità 4, ovvero rispettivamente propagazione di fiamma e danni estesi e incendio totale della vettura. Le percentuali esposte possono apparire piccole in valore assoluto, ma devono far riflettere sulla necessità di porre, su questo tema, la massima attenzione, sia in fase di progettazione, con la scelta accurata dei materiali e degli accorgimenti costruttivi più adatti, sia nell’esecuzione delle attività di manutenzione prescritte dai Costruttori.

Incendi autobus, i dati ufficiali

L’analisi dei risultati evidenzia, purtroppo, che nonostante il fenomeno incendi sia monitorato da lungo tempo, non si riscontra una decisa inversione di tendenza, e che le principali cause, evidenziate e condivise già nelle precedenti indagini, restano tali.

È opportuno, però, evidenziare che, fortunatamente:

  • In nessuno degli incidenti analizzati ci sono stati dei danni alle persone.
  • L’evacuazione dei passeggeri durante gli incidenti si è svolta senza rischi e in piena sicurezza.

Ad ogni possibile miglioramento della situazione sono chiamati a concorrere, ciascuno per la propria parte e per le proprie responsabilità, tanto i costruttori quanto le aziende, nella misura in cui progettazione, costruzione e manutenzione vanno gestite facendo “sistema” per la sicurezza e la sostenibilità del TPL.

Incendi autobus, i costruttori e la prevenzione

La sempre maggiore complessità tecnologica del prodotto autobus e l’uso di nuovi materiali, e di nuove tecnologie/sistemi per la riduzione delle emissioni inquinanti e sonore richiama sempre più l’attenzione dei Costruttori e delle Aziende sulle complesse problematiche relative alla prevenzione incendi. Fondamentale, per questo particolare aspetto della progettazione degli autobus, è, ovviamente, l’analisi degli “incendi avvenuti”. Il documento presentato da ASSTRA, sulla base dell’analisi degli incendi avvenuti nel triennio 2015-2017, può fornire un utile supporto ai Costruttori e alle Aziende per indirizzare gli sforzi progettuali e manutentivi verso le aree ad oggi più critiche.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Potenza, bus con studenti finisce fuori strada

Incidente lungo la provinciale 83, alla periferia di Baragiano, in provincia di Potenza, dove un autobus con a bordo studenti è finito fuori strada per evitare lo scontro frontale con un automobile. L’autista ha sterzato per scongiurare il frontale, uscendo dalla carreggiata e ribaltandosi su ...