Secondo lo studio condotto dall’Osservatorio Continental, la pandemia ha notevolmente inciso sulle immatricolazioni degli autobus e dei mezzi pesanti anche in Lombardia. I dati non sono positivi nemmeno per la sostenibilità.

Immatricolazioni autobus in Lombardia: trasporti poco green

Tra chiusure, blocchi alla circolazione e restrizioni dovute all’emergenza sanitaria ed economica in atto, il 2020 è stato un anno difficile anche per il mondo del trasporto merci e persone su strada. L’Osservatorio ha analizzato i dati relativi alle nuove immatricolazioni, ai tipi di alimentazione, all’anzianità e alle categorie Euro del parco circolante in Regione e nelle singole province.

Per il trasporto persone, le immatricolazioni di autobus di oltre 3,5t in Italia sono passate da 4.935 del 2019 a 3.404 del 2020 (-31%). Il calo della Lombardia è più consistente e arriva a toccare il 49,2% e soli 306 nuovi bus immatricolati. Tra le province, Monza si colloca nel mezzo con una diminuzione del 30% e solo 7 nuove targhe.

Alimentazione bus: a Monza solo gasolio e benzina

Il parco autobus nel nostro Paese registra nel 2020 99.883 unità, con la maggioranza dei mezzi in circolazione a gasolio (93,7%), seguiti però dal metano (4,8%). Sotto l’1% rimangono l’elettrico, il benzina, benzina e gas liquido e l’ibrido. Il gasolio regna anche in Lombardia (94,6%) seguito dal metano (3,5%), mentre l’ibrido supera l’elettrico (0,9% vs 0,7%). Ancora più sotto il benzina. In provincia di Monza Brianza il parco circolante è composto esclusivamente da gasolio (99,7%) e benzina (0,3%).

Anzianità: a Monza più di un autobus su 5 ha oltre 20 anni

Considerando il parco autobus nel nostro Paese, emerge che quelli più recenti (da 0 a 5 anni) sono il 19,4% del totale, mentre quelli più vecchi, di oltre 20 anni, il 25,7%. Nella fascia intermedia da 5 a 20 anni, si colloca la maggior parte del parco circolante. In Regione l’incidenza della fascia più recente si alza al 25%, con una netta preponderanza di veicoli dai 2 ai 5 anni, mentre quella dei veicoli più datati scende al 12,9%. In provincia di Monza il distacco è minimo: il 18,3% del parco è di massimo 5 anni e ben il 20,7% oltre i 20.

Categoria Euro

In Italia la percentuale di autobus appartenenti alle categorie Euro 5 ed Euro 6 si attesta al 38,2%. Vi è però ancora in circolazione un’ampia quota di categorie più vecchie, ed Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 arrivano al 38,6% del totale. In Regione più della metà del parco è Euro 5 e 6 (55,3%) mentre le classi più inquinanti dalla 0 alla 2 si fermano al 17%. Monza è tra le città meno virtuose con le categorie 5 e 6 che raggiungono solo il 36% e quelle più obsolete che si stanziano al 26%.

Articoli correlati

Pnrr, a Sasa Bolzano i fondi per cinque nuovi bus a Idrogeno

Cinque nuovi autobus ad idrogeno entreranno in servizio in Alto Adige grazie ai fondi del Pnrr. Lo ha annunciato l’assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider. “Abbiamo partecipato al relativo bando Pnrr per l’acquisto di nuovi autobus ad emissione zero – ha spiegat...