I ricercatori del Karlsruhe Institute of Technology (Kit) stanno lavorando a un sistema di “platooning”, una tecnica innovativa di gestione dei trasporti che potrebbe rivoluzionare gli autobus urbani di Monaco di Baviera, in Germania.

Platooning, di cosa si tratta

Il platooning consisterebbe in un controllo elettronico di piccoli veicoli che si susseguono a brevi distanze, come i soldati in colonna di un plotone militare, da cui il nome.

Gli autobus elettrici autonomi, infatti, potrebbero rendere più sicuri ed efficienti i trasporti a corto raggio, ma i veicoli articolati o con rimorchio passeggeri richiedono troppa energia e non sono abbastanza flessibili per gestire efficientemente un numero di passeggeri altamente fluttuante. Il platooning potrebbe dunque essere la soluzione, poiché i “plotoni” possono essere adattati molto facilmente, secondo necessità, per soddisfare esigenze di traffico specifiche.

Nel plotone, solo il veicolo che precede deve essere guidato da un conducente, tutti gli altri seguono autonomamente“, spiega il professor Eric Sax, capo dell’Istituto per la tecnologia di elaborazione dell’informazione (Itiv) al Kit. Le unità del “plotone” non sono collegate fisicamente, ma tramite la tecnologia dell’informazione. Il “timone di traino” può  essere disaccoppiato facilmente ed è quindi facile dividere, ricollegare e rimodellare le file dei veicoli. “Il platooning ci consente di adattare in modo ottimale le operazioni di autobus alla domanda, a seconda dell’ora del giorno o del percorso, soprattutto nell’ambiente urbano“, afferma Svenja Rei di Stadtwerke Munchen (Swm), azienda che si occupa di diversi servizi pubblici a Monaco. E spiega: “Poiché i plotoni possono essere divisi e collegati in base alla domanda del pubblico, possiamo fornire un servizio su misura ai nostri passeggeri“.

Attualmente il progetto sta venendo sviluppato assieme ai corrispondenti algoritmi per l’automazione. Questi algoritmi verranno quindi utilizzati in un prototipo di autobus che i ricercatori del Kit realizzeranno insieme a Swm e al produttore olandese di autobus elettrici Ebusco entro la metà del 2022. Sarà testato sul nuovo campo prova per veicoli elettrificati e autonomi situato nel nord della capitale bavarese. “Il nostro obiettivo è portare i nuovi veicoli sulla strada entro la metà del decennio“, afferma ancora Sax.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Articoli correlati

Consip, da gennaio ordinati circa 1.000 autobus

Consip. È in piena attuazione il piano del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) per l’ammodernamento e la transizione ecologica del parco autobus destinato al Trasporto Pubblico Locale (TPL). Grazie al proficuo rapporto di collaborazione instaurato con Consip per offrir...