Il produttore sudcoreano Hyundai continua i suoi progetti di sviluppo di nuovi veicoli green con il nuovo autobus Elec City Fuel Cell. Non solo auto dunque per Hyundai, che solamente alcune settimane fa ha ufficializzato la sperimentazione, a Monaco di Baviera, del suo bus a zero emissioni. La società punta infatti a ridurre le emissioni di CO2 con l’introduzione di nuovi veicoli green.

Autobus Hyundai: le caratteristiche

Secondo quanto diffuso, l’autobus Hyundai è in grado di percorrere 500 km circa contando su di un sistema fuel cell da 180 kW costituito da due celle a combustibile da 90 kW. Presenti inoltre due batterie da 39,2 kWh per un totale di 78,4 kWh. Non mancano cinque serbatoi di idrogeno collocati sul tetto in grado di immagazzinare 34 kg di idrogeno. 

Nelle prossime settimane la Hyundai Motor Company lavorerà, insieme agli operatori di autobus della Germania, per le prove in servizio del suo Elec City Fuel Cell alimentato a idrogeno. La società punta infatti a introdurre autobus a emissioni zero nei mercati europei. Secondo quanto dichiarato da Hyundai, è prevista l’esecuzione di dimostrazioni con quattro operatori di autobus durante il 2021 al fine di raccogliere anche vari feedback da parte di passeggeri e autisti lungo il percorso. Mediante le corse dimostrative, la società punta a illustrare che gli autobus alimentati a idrogeno sono (e potranno dunque diventare) una soluzione decisamente efficiente per il trasporto commerciale dei prossimi anni.

L’autobus Hyundai Elec City fuel cell, in realtà, è già disponibile dal 2019 sul mercato coreano con un totale di 108 unità commercializzate. Su base annuale, si prevede che gli autobus Elec City fuel cell attualmente in funzione siano in grado di ridurre le emissioni di carbonio dell’equivalente quantità di CO2 assorbita in un anno da 1.500 ettari di foresta.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News