Il piano industriale Gtt sarà al centro di una perizia che ne sancirà o meno la sostenibilità economica. Lo affermano tra le righe il presidente della regione Piemonte Sergio Chiamparino e il sindaco di Torino Chiara Appendino. Il passaggio che vedrà il coinvolgimento di un esterno servirà a capire se la situazione dell’azienda di trasporti è recuperabile e quali sono le garanzie a disposizione dei soggetti esterni (fornitori o banche).

autobus gtt torino

Il futuro incerto di Gtt

Sulla questione in cui versa Gtt, protagonista quest’estate dell’accorato allarme lanciato dall’assessore Maria Lapietra («Gtt è in ginocchio»), è intervenuto un comunicato congiunto firmato dal vertice della regione e da Appendino. «Il futuro di Gtt è stato al centro di un incontro svoltosi il 15 settembre a Torino tra il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, e la sindaca Chiara Appendino, al quale sono intervenuti anche il vicepresidente Aldo Reschigna e l’assessore Francesco Balocco – si legge nella nota -. Al termine, presidente e sindaca hanno rilasciato una dichiarazione coingiunta per affermare che “fermo restando il lavoro comune avviato da Regione e Comune in costante dialogo con il ministro Graziano Delrio e con il Governo, si è deciso di chiedere a Gtt di asseverare il piano di sviluppo industriale presentato, in modo da mettere in sicurezza l’azienda e renderla sostenibile nel tempo». Nel frattempo, proprio ieri (lunedì 18 settembre) Gtt ha presentato gli autobus elettrici Byd, di fabbricazione cinese, pronti a debuttare in servizio.

Taglio al servizio per stare nei finanziamenti

Ma a cosa servirà la perizia? Il suo compito sarà quello di verificare la solidità del piano industriale, che secondo quanto si legge sulla Stampa punta a massimizzare gli incassi e abbattere i costi. Questi gli strumenti: revisione della rete di trasporto, aumento dei servizi in subaffido (oggi solo 3 milioni di chilometri su 40 sono esternalizzati. Secondo contratto possono arrivare a 15), taglio dei costi di manutenzione attraverso investimenti in autobus con contratto di full service, blocco del turnover. Intanto, Lapietra ha ammesso in municipio un taglio del servizio nella misura di 4 milioni di euro, come scrive oggi La Repubblica. I tagli sono stati resi necessari dal calo dei finanziamenti regionali, oggetto di accesi dibattiti nei mesi scorsi. Il servizio è passato da 144 a 140 milioni di euro, grazie ai tagli ai bus festivi e in orario serale, entrato in vigore all’inizio dell’anno.

 

Articoli correlati

Un nuovo Iveco Crossway per il tpl di Loano

Tpl Linea ha dato il benvenuto al nuovo Iveco Crossway che va così ad arricchire e ringiovanire la flotta. I 10,5 metri del Classe II rappresenta infatti un altro tassello nel rinnovo e nella modernizzazione dei bus in circolazione per il servizio di trasporto pubblico locale nel savonese. Per l’ope...

Bergamo, il piano di efficienza energetica per le infrastrutture del tpl

Un Pal per il tpl. Il Comune di Bergamo, infatti, ha lanciato nei mesi scorsi un Piano di azione locale per affrontare le problematiche (e le opportunità) dell’elettrificazione e dell’integrazione delle fonti rinnovabili nelle infrastrutture del trasporto pubblico locale in città. Obiett...
Tpl

Mezzi gratis per gli studenti? Regione Lombardia dice no

Niente mezzi gratis per studenti e studentesse della Lombardia perché la maggioranza in consiglio regionale ha bocciato una mozione (presentata dalla minoranza capeggiata dal Partito Democratico) che voleva introdurre la gratuità dei mezzi di trasporto pubblico per gli studenti di ogni ordine e grad...