Venezia – Per due giorni Venezia diventa la capitale della mobilità sostenibile grazie a Green Mobility show, fiera-evento che si apre oggi e punta il dito sull’innovazione e sulla mobilità sostenibile. A mettere il cappello su una manifestazione arrivata alla seconda edizione è la Dottobus che si è presentata al Porto Crociere di Venezia con un mezzo elettrico caratterizzato da un motore trifase 80V da 18 chilowatt e equipaggiato con batterie al litio da 700 Ah il tutto completato dal sistema Bms (Battery managing system) che permette di tenere sotto controllo lo stato delle batterie e di ogni suo singolo elemento. La sola locomotiva può trasportare 16 passeggeri ma si possono agganciare carrozze capace di trasportare 28 persone ciascuno. Un mezzo importante con il quale il gruppo di Treviso può attaccare mercarti che richiedono mezzi ad emissioni Zero. Il mezzo di casa Dotto si inserisce in un contesto particolare effervescente. Secondo l’ottavo rapporto dell’Osservatorio Mobilità Sostenibile di Euromobility, Venezia si colloca infatti tra le prime 4 città italiane: il Green Mobility Show trova quindi nella città dove acqua e terra si incontrano la sua miglior collocazione: Venezia il 6 e il 7 marzo è il luogo di discussione e insieme palcoscenico delle forme più avanzate di mobilità eco-sostenibile sia terrestre che marittima. Due giornate dove non mancheranno i test drive su ruote e in acqua di mezzi di trasporto d’avanguardia, amici dell’ambiente, alimentati a bio-metano, a idrogeno, a elettricità: dalla 500 Eco-Abarth a metano (NGV), al primo vaporetto alimentato a idrogeno con zero emissioni (Hydrogen Park Marghera/Alilaguna). Per quanto riguarda la nautica da provare gli ultimi modelli di imbarcazioni a propulsione ibrida di Kite Alike e di Torqeedo. Il tutto su un’area esterna dinamica riservata, sia su strada che in mare, di rispettivamente 3km di viabilità interna ed uno spazio acqueo di 120.000mq. Il Green Mobility Show è anche la cornice per la presentazione del progetto ministeriale del più grande Bike Sharing d’Italia, realizzato per il Consorzio di Sviluppo del Polesine e che verrà inaugurato proprio a marzo. Un programma ricco, che si svilupperà in una fitta due giorni dedicata al grande pubblico, alle aziende più innovative e agli esperti, con un parterre che prevede relatori nazionali e internazionali. “Il nostro obiettivo – sostiene Gabriella Chiellino ideatrice di Green Mobility Show e Presidente di eAmbiente – è contribuire alla comprensione dell’importanza delle sfide tecnologiche in atto e alla ricerca di soluzioni per affrontare le difficoltà di immissione nei mercati. “E’ necessario – continua Chiellino – adottare un approccio olistico che tenga conto dell’interdipendenza tra i diversi piani di intervento: pianificazione urbana, combustibili alternativi al carbone, mezzi di trasporto innovativi, politiche di sostegno e promozione di comportamenti virtuosi sia nei confronti dei cittadini che delle imprese più avanzate”. Da segnalare la presenza di uno dei player mondiali del settore del trasporti eco-sostenibili: NGV. “La 500 Abarth a metano, vincitrice dei rally mondiali di categoria – sostiene Maria Rosa Baroni, presidente di NGV Italy – è solo un simbolo, una delle risposte alla crescente domanda di mobilità sostenibile. NGV Italy  riunisce le più importanti aziende produttrici di veicoli leggeri, pesanti, agricoli, di apparecchiature e componenti per l’uso di gas naturale sia compresso che liquido, di cui promuove l’impiego come carburante alternativo. Siamo presenti presso i più importanti tavoli istituzionali, sia in Italia che in Europa, per sostenerne lo sviluppo, in linea con la strategia europea per una mobilità sostenibile – prosegue Baroni – e grazie al nostro impegno oggi possiamo contare su più di 800.000 vetture,  su 3.000 veicoli pesanti a metano e su più di 1000 stazioni di rifornimento”. Questi in sintesi i temi che verranno affrontati nella sezione convegnistica messa a punto da eAmbiente.

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Sustainable Bus Awards 2025: ecco chi sono i (14) finalisti

Per sapere chi saranno i tre vincitori dei Sustainable Bus Awards 2025 bisognerà aspettare la premiazione durtante la giornata inaugurale del FIAA di Madrid, in programma nella capitale spagnola dal 22 al 25 ottobre. Nel mentre però sono stati comunicati i 14 finalisti che si contenderanno gli ambit...