[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Garantire ai clienti all’estero la stessa qualità offerta nel proprio paese. Con questo obiettivo nel 2006 è nato GPN, un network globale che unisce aziende e operatori di tutto il mondo che vogliono mantenere standard qualitativi elevati da offrire ai propri clienti. Dal primo meeting di Bologna, Global Passenger Network è cresciuto, riunendo i migliori operatori di oltre 30 paesi con l’obiettivo di diventare un’organizzazione globale. Le caratteristiche che accomunano i membri sono sicurezza, qualità e standard di servizio elevati, tutti fattori essenziali per un servizio di trasporto passeggeri di alto livello, con un’attenzione all’ambiente e alla valorizzazione del bus come mezzo sostenibile. Abbiamo chiesto a Fabio Figus, DG – Mobility Dept. di Linea Azzurra, di darci qualche dettaglio in più.

Linea Azzurra può considerarsi l’ambasciatore italiano di GPN. Come è nata la vostra partecipazione al network?

La Linea Azzurra è stata scelta ufficialmente nel 2014 per rappresentare l’Italia nel circuito GPN, dopo aver collaborato per alcuni anni a stretto contatto con il primo membro ufficiale italiano Vivara Viaggi, nonché co-fondatore del network. La definizione di ambasciatore calza bene in quanto è importante anche il concetto inverso, cioè quello di “importare” in Italia la filosofia, le strategie e le innovazioni che nascono dal lavoro congiunto di tutti i membri di questo network. Si pensi che oltre al contributo dei vertici delle grandi aziende che costituiscono il network, partecipano attivamente i manager degli “Alliance Partners” (per citarne alcuni VDL, EvoBus, Irizar, Vanhool, Indcar, Daf, Scania, Tom Tom, Bridgestone, Continental, Nokian Tyres, Europart, Microsoft Dynamics).

Come si traduce l’attenzione per la qualità nella creazione del network globale? Come vengono selezionate le aziende?

L’attenzione per la qualità ha un’accezione molto ampia, il risultato del lavoro si può sondare solamente sulla soddisfazione del cliente. Per arrivare a questo risultato occorre lavorare su tutti i fronti: gestione operativa (cortesia, velocità, efficienza e flessibilità del personale operativo multilingue), gestione esecutiva (professionalità, puntualità e cortesia degli autisti multilingue e sempre aggiornati con un programma di formazione costante), gestione della flotta (mezzi di qualità, rinnovati con costanza e dotati delle moderne tecnologie per la sicurezza e per migliorare l’esperienza di viaggio). Naturalmente questa filosofia va garantita su tutta la nazione e per far ciò la nostra azienda ha instaurato e continua ad instaurare ottime collaborazioni con le migliori aziende sparse sul territorio.

Che tipo di servizi offre Global Passenger Network?

Il network offre servizi di autonoleggio con conducente, dalla berlina al bus double decker. L’obiettivo su scala globale, è quello di rappresentare un marchio distintivo all’interno del nostro settore… per capirci GPN sta all’autonoleggio con conducente come HERTZ sta all’autonoleggio senza conducente. Semplicemente GPN offre, a clientela di qualsiasi tipo e provenienza, servizi NCC di qualità, risposte veloci, ottima assistenza, a prezzi comunque sempre competitivi in rapporto al livello di servizio richiesto. Le azioni commerciali finora intraprese si traducono in buoni risultati in termine di volumi, ma il risultato più sorprendente è la percentuale di richieste andate a buon fine, che nel 2015 è stata di oltre il 70% (dato enormemente migliore rispetto alla normalità). Evidentemente il lavoro svolto dal nostro staff, congiuntamente alle campagne di comunicazione e diffusione del brand, sono stati ottimi.

Quali sono i vostri traguardi sul medio e lungo periodo?

Copertura globale e copertura locale. Attualmente sono 31 i paesi coperti dal network: l’intera Europa, Russia e Turchia, Stati Uniti e Canada. Ma sono già in cantiere adesioni che presto apriranno l’orizzonte del network all’Asia ed all’America Latina. Quindi certamente l’obiettivo è quello di riuscire a diventare un’organizzazione globale nel medio termine. Per noi di Linea Azzurra uno degli obiettivi più importanti è quello di attrarre ulteriori collaborazioni “sane”: aziende italiane valide e moderne, in grado di supportare il progetto GPN e facilitare l’offerta di un servizio eccellente in modo sempre più capillare.[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati