Schermata 2016-06-21 alle 21.04.29

Iveco Bus archivia un nuovo importante ordine in Francia, dove gli Urbanway CNG sono ormai un prodotto consolidato nel mercato locale. In tutto il paese circolano già 2500 unità dell’urbano a gas naturale di Iveco, a cui si sommano i nuovi 80 Urbanway ordinati da Semitan, l’azienda semi-pubblica di trasporti della città di Nantes. I nuovi articolati contribuiranno al rinnovo della flotta dell’operatore locale che ha siglato un accordo con il costruttore francese per 110 e 130 nuovi veicoli per il periodo 2016-2020. Numeri importanti, considerando che il 95% della flotta di autobus a gas naturale attualmente in servizio in Francia è a marchio Iveco. Il primo autobus a varcare le strade di Nantes arriverà già entro la fine di quest’anno, mentre gli altri 79 saranno consegnati entro la fine di agosto 2017. Gli Urbanway ordinati da Semitan saranno prodotti nello stabilimento di Bourbon-Lancy, nella regione della Saône-et-Loire e monteranno un motore Iveco Cursor 8 330 hp a gas naturale. I nuovi mezzi verranno impiegati per aumentare la capacità delle linee Chronobus che collegano il centro della città di Nantes con le zone periferiche e a ridurre le emissioni inquinanti. Gli autobus a gas naturale, introdotti in città già dal 1997, hanno numerosi vantaggi rispetto ai bus a diesel: le emissioni di NOx si riducono del 35% e quelle di particolato del 95%, senza contare i vantaggi derivanti dalla riduzione delle emissioni sonore e delle vibrazioni. L’operatore francese potrà inoltre godere di benefici economici sia dai minori costi del carburante sia dalle sinergie derivanti dall’infrastruttura per il CNG, già installata in passato in città.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News